Poetesse in estate, blogger in vacanza

Inizia inizia, quell’aria sonnacchiosa nei blog fatta di aggiornamenti meno frequenti e blog chiusi per ferie.

Manca poco anche a me. Forse qualcuno ha fatto 1 + 1 e si è reso conto che stiamo per partire per la zona colpita dal terremoto, dove la gente disdice e/o torna a casa dopo essere appena arrivata. Mah. A un hotel che conosco a Numana sono capitati una settantina di casi del genere, una stagione rovinata. 

Intanto io credo che le vacanze siano fondamentali per ricaricarsi e mettere tanti km, ne bastano magari anche 50, tra noi e la quotidianità con le sue tensioni lavorative e non. Anche da soli – ne parlavo oggi con un’amica che non sa con chi andare e allora non va – anche qualcosa di raffazzonato per le scarse finanze, l’importante è chiudere la porta di casa e salutare lo zerbino.

Stare in ferie, senza andare via, nonostante spesso dia la possibilità di scoprire gioielli che non vengono considerati nella fretta dei giorni “normali”, non è poi così risparmioso. Si  comincia con una cena fuori in più, la piscina, qualche gita, giretti, vari extra e a conti fatti magari era quasi-quasi meglio mollare gli ormeggi. 

Io la vedo così. Abbiamo tenuto lo stesso televisore grande come un francobollo per 4 anni e mezzo, non vestiamo firmato, ma non abbiamo mai rinunciato a un soggiorno estivo da qualche parte, più o meno costoso a seconda delle annate, perchè come per il vino ci sono quelle buone e quelle meno. 

Questione di scelte tante volte, non di vera necessità di risparmio o mancanza di fondi. E se poi questo è un discorso politicamente scorretto, mi spiace.  

Occhei la chiudo qui, è solo che tutto sommato arrivo a detestare con forza certe lamentele ossessive “non-ho-soldi-non-posso-“ da parte di chi ne ha più di me, o forse non è in grado di gestirsi.

Altro da dire: con grande anticipo è già scaricabile da Amazon a 0.89 cent Poetesse d’estate, la copertina invita alla pace estiva immersi nella fresca natura, niente male davvero.

Spero vorrete approfittarne in tanti. Vi lascio il link in fondo al post. Ecco pare sia davvero facile affidare la propria opera al colosso Amazon. Io continuo a preferire l’editoria tradizionale, dove spero ci sia il mio angolino-oasi prima o poi, ma osservo con interesse cosa avviene col self publishing e non lo scarto, almeno per ora. Quì è caldino, ma non mi lamento, visto che lavoro in un ufficio dotato di aria condizionata e non asfalto l’autostrada.  In casa mi sbrago indossando un vecchio prendi-sole – che parola desueta – comprato a Monterosso nel 2002 (bellissima vacanza twin, remember?) ormai macchiato di candeggina. Spesa ben ammortizzata, in virtù del mio essere formica che mi permette vacanze ogni estate. 

E spenderete davvero pochino anche scaricando l’antologia, ma se non la comprate è lo stesso, forse con quella cifra ci scappa un ghiacciolo. Però non lo so. Quanto costa un ghiacciolo, senza rincari di baristi furbetti che taroccano i prezzi sul cartellone Algida? Meno di un euro?

A me va bene se vi rinfrescate col ghiacciolo, se lo prendete alla menta pensatemi! E’ da sempre il mio preferito. A parte alcuni rarissimi posti dove c’è quello al cioccolato, se lo trovate scrivetelo in rete: certi tesori vanno condivisi! Io l’ho mangiato solo a Rimini, al bar della spiaggia, non del mio bagnino tra l’altro, molto molto molto tempo fa. 

http://www.amazon.it/Poetesse-in-estate-ebook/dp/B00E2V04YA 

Annunci

19 thoughts on “Poetesse in estate, blogger in vacanza

  1. Ti auguro di trovare presto l’oasi nell’editoria tradizionale, perché sai come la penso, no?
    Le vacanze sono sacre, fondamentali. Ed è sempre meglio vivere da formichine, e farsi delle belle vacanze.

  2. Vero. Ci sono persone che non sanno amministrarsi e buttano via pure 5e al giorno, e in un anno quanto fa? Quando ero sola pero’ero un po’ cosi’, mi consolavo con le piccole cose. E spero non troverete alcun sciame sismico… a me il terremoto fa uscire di testa.

  3. Fate benissimo a partire. Noi ci ritagliamo alcuni giorni, ma dall’anno prossimo la musica cambia. Non possiamo vivere solo per comprare le mura delle case! Anche io ricordavo bene che la zona delle tue vacanze fosse quella terremotata, dai speriamo bene per voi e per loro!

  4. Non meno di 1/1,50€ e’ il prezzo del ghiacciolo, sia industriale, sia artigianale… in Liguria almeno. Ovvero poco meno di un gelato che richiede senz’altro più materia prima e più lavorazione. Mah…
    Purtroppo per noi la crosta terrestre è sempre in movimento anche se di norma non lo percepiamo. Speriamo che l’intensita’ dello sciame diminuisca in modo da non essere percepito e non creare problemi.
    Goditi le vacanze e ignora chi si lamenta sempre. Qui da me quelli che si lamentano sono coloro che poi si concedono vacanze iper confortevoli, oltre ovviamente alla barca al mare da alternare alla casa in montagna (solitamente località chic) 🙂 e di certo non si parla di viaggi low cost. Poi non ti dico le lamentele quando devono pagare l’IMU!!! 😉

  5. Qui si trova il ghiacciolo alla cioccolata e anche al cacao. Il frutto, che ha tutt’altro sapore. Vengono chiamati “picolé” e in realtà sono un pò più cremosi dei nostri ghiaccioli, nonostante abbiano la stessa estetica.
    I migliori sono quelli ai frutti tropicali: manga, papaya, cajù e cosi via.
    Magari in una di quelle “annate buone”, potete venire a provarli!! 😉

  6. Piscina comunale qui da noi 1€, quello bio e a km 0 un po’ di più ma quando lo hai finito non ti assale la sete implacabile che ti lasciano quelli industriali. Io sono fortunata e posso scegliere di far le ferie a giugno, prima che inizi la stagione e costa tutto un po’ meno…le fortune si contano anche così! Ma anche se fosse che posso partire solo ad agosto…farei meno giorni, ma non ci rinuncerei mai e poi mai! Un abbraccio! Daniela

  7. Quest’estate io ho detto NO ai saldi, ho comprato ZERO abbigliamento/scarpe, perchè ci tenevo troppo a fare qualche giorno a Parigi e so che è una città molto costosa, quindi qualche soldino in + non guasterà. E’ una questione di priorità, di scelte. A parte le necessità di Ballerina, la cosa per cui preferisco spendere sono i viaggi, le vacanze e i libri e da quando ho il kindle, risparmio davvero tanto! Baciiiiii

  8. Ciao Sandra,
    ho appena acquistato e scaricato sul mio Kindle “Poetesse d’estate” e lo leggerò al mare con tutta calma, non vedo l’ora!
    Sono d’accordissimo con te sulla questione risparmi/vacanze… negli ultimi giorni ne ho parlato anche con mio marito: ci è capitato di incontrare tre o quattro personaggi firmatissimi, lampadatissimi, iperaccessoriati ecc. ecc. che si sono lamentati della crisi e hanno detto che non possono permettersi neppure un giorno di vacanza… Anch’io credo che una gestione più oculata dei propri soldi in questi casi non guasterebbe, e non stiamo certo parlando di persone con difficoltà CONCRETE, come licenziamento, cassa integrazione, sfratto e così via, ma di gente che pur di non rinunciare ai suoi sfizi “trendy” si ritrova al verde. Mah!
    Ti auguro di passare delle splendide vacanze all’insegna della spensieratezza, del relax e, naturalmente, della lettura! Anch’io fra tre giorni mi toglierò finalmente dall’afa soffocante e partirò per il mare! Un abbraccio, Laura

    • Grazie infinite per l’acquisto. Se non ti rileggo ti auguro di passare una vacanza declinando ciò che più ti piace all’ennesima potenza! Grazie & bacioni

  9. Copio la tua frase…..” l’importante è chiudere la porta di casa e salutare lo zerbino.”….perchè per me è fondamentale per staccare…..soldi pochi o tanti, l’importante è cambiare aria, siano 50 km o 1000 km…..l’importante è chiudere la porta!
    e visto che noi siamo costretti a fare le ferie in agosto…..benvenga il nostro decennale camperino, che ci consente di chiudere senza mai dover prenotare!
    bonnes vacances!
    C

  10. Il ghiacciolo al cioccolato? Mai visto (purtroppo)!
    Buone vacanze e, se anche dovesse malauguratamente capitare qualche scossetta, non fatevi prendere dal panico. Lo dice una che vive in zona altamente sismica 😉

  11. Andiamo con ordine: ma come faccio a comprare la versione per Kobo di Potesse in Estate? Leggo ovunque versione Kindle!!! vabbè, al massimo mi scarico l’app per leggerlo su PC.
    Il ghiacciolo al cioccolato? Che stai scherzando??? Ora bramo di assaggiarlo!
    un baciotto e buone vacanze… intanto pensami che devo aspettare fino a settembre per le vacanze vere, quelle che, come dici tu, mettono un tot di chilometri dalla quotidianità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...