Secondogenito!

Secondogenito!

Mancano pochi giorni all’uscita di “Cene tempestose” e io non posso non interrogarmi sul mio stato d’animo. La gioia è palpabile e amplificata dal fatto che non sta solo uscendo un mio romanzo, ma il mio secondo romanzo! Solo la metà degli autori in Italia arriva a una seconda pubblicazione, e questo è un dato che la racconta lunga su scrittori improvvisati e sul non coltivare gli autori da parte degli editori.

Sono passati quasi quattro anni da “Frollini” e io per molti blogger sono ancora la frollina. L’appellativo è affettuoso e non mi spiace affatto. Mi chiedo se “Cene tempestose” in qualità di secondogenito, proprio come avviene per i figli, beneficierà di un trattamento diverso rispetto al primogenito e non posso che rispondere sì. Un secondo libro, e di nuovo proprio come un figlio, arriva con maggior consapevolezza, ma tanta eh. Non si faranno gli stessi errori nel crescerlo, ma stiamo bene attenti, se ne commetterano certo di nuovi. Tuttavia devo aver pur imparato qualcosa da “Frollini”, su come si muove un romanzo nel mondo.
Ebbene, pur non essendo mai stata una persona che ha promosso il proprio testo in maniera ossessiva a chiunque, ad esempio inviando mail per la sua nascita a tutti i contatti in rubrica, con le Cene starò un passo indietro. Non lo proporrò alle librerie, l’ho fatto con “Frollini” ed è andata bene una volta su tre, conquistò persino la vetrina di una nota località balneare, ma solo perchè fu mia sorella a portarlo là, e lei è una nota marketing manager. Non lo farò ripeto perchè trovo sia umiliante e col secondo libro posso permettermi di dire no. Le iniziative spesso sono matrioske, da una ne possono venir fuori molte altre, dalla presentazione a Brisighella, che cercai io, fui contattata per fare quelle liguri e fu una maraviglia. Per cui non si può davvero mai sapere quale strada percorrerà un libro, ma non voglio forzare la mano.

Per quanto riguarda invece le sensazioni più profonde, c’è l’intima soddisfazione di avercela fatta in due sensi: essere riuscita a farmi pubblicare free, e aver scritto una grande storia piena di pathos e personaggi che faranno breccia nel cuore del lettore, ne sono certa, senza presunzione. E questo non era affatto scontato. Quando uscì “Frollini” stavo già scrivendo “Ragione e pentimento” con l’illusione che ExCogita lo pubblicasse senza farmi pagare l’editing, perchè parole dell’editore, se fosse stato scritto meglio… non fu così, scoprii poi – ingenua io – che ExCogita è un editore a pagamento che utilizza la scusa del editing per fare cassa. Rifiutata quindi la loro proposta per il mio secondo romanzo, mi ritrovai a percorrere altre vie, arrivando fino ai giorni nostri.
Ho lavorato tanto, ma tanto, a 360°, ho sacrificato molto, mi sono spaccata gli occhi, “Cene tempestose” è stato scritto quando non portavo gli occhiali e avrei dovuto averli, minimizzavo quanto poco ci vedessi (3 diotrie e 25 da un occhio con l’altro che tentava di compensare!) Ho avuto mal di schiena feroci e un sacco di giornate storte in cui mi sembrava un polpettone-rosa, in cui i personaggi minori mi piacevano di più dei protagonisti e volevo cambiar registro. Per un lungo tempo non ho avuto idea su come farlo terminare, mi sembrava senza fine, una serie TV di 18 stagioni, mi serviva una chiusa piena di energia e mi veniva solo in mente che un kamikaze si facesse esplodere in uno dei ristoranti delle cene: nessun superstite, ‘fanculo al lieto fine.
Ho amato Luca, Roberta e Sergione più di tutti gli altri e da gregari li ho trasformati in capi-squadra, dando loro spessore e pagine.

Il mio primogenito ora, proprio come un quattrenne, cammina sulle proprie gambe, ma io lo curo sempre dal bordo della strada, con amore infinito. E’ stato bravissimo a conquistare spazio e persone, molte più di quante la sua mamma avrebbe osato sperare considerati i presupposti. Col secondogenito siamo in travaglio, poi sarà un trionfo di colore e di vita, sarà un po’ meno mio, ma avrà tanto bisogno di me, almeno all’inizio!

Annunci

20 thoughts on “Secondogenito!

  1. Evviva! Congratulazioni, per tante ragioni. Ovviamente per la pubblicazione, poi per il fatto che è una seconda pubblicazione, poi per la costanza, la pazienza e il grande amore che esce da ogni post che ci regali sul mestiere di scrivere.
    Sarà un successo, ne sono certissima <3!

    • Grazie di cuore Marzia. Comunque per scrivere questo post ho lasciato sul fuoco la pentola con le patate lesse dimenticandomene, fino a quando l’odore della pentola che bruciava ormai senz’acqua, è arrivato fino qui. Decisamente meglio come scrittrice che come cuoca. Dio bono!

  2. Di che colore si mette il fiocco per un romanzo?
    So che sembra banale, ma per noi sono davvero come figlioletti, con tanto di personalità e un carattere diverso per ciascuno. Ti auguro che arrivino presto anche tanti altri fratellini libreschi

    • Eh, cara tu che sei del mestiere sai bene le sofferenze che ci sono dietro. Il libro è maschile, quindi fiocco azzurro? Io opterei per un colore che non identifichi il sesso, quindi magari verde così accontentiamo anche lo spirito ecologico. Grazie baci, ho sempre amato le famiglie numerose.

  3. Sandra, sei grandiosa! E te lo dico davvero con il cuore. Hai una determinazione e una passione meravigliose, meritate tanto successo tu e il tuo piccolo che sta per nascere 🙂

  4. Io libri non ne partorirò mai. Non è proprio il mio mestiere. Ma non vedo l’ora di poter leggere il tuo. Ti prego, mandami notizie. Il mio blog e la mia pagina fb parleranno di te. Mica è da tutti avere un’amica scrittrice. In bocca al lupo Frollina!
    Pat

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...