Distributori automatici

Distributori automatici

La foto non è un gran che, scattata in velocità col cellulare ieri in metropolitana alla fermata Cadorna, ma rappresenta una novità che ancora non conoscevo: i distributori automatici di libri!

Comunemente note come “macchinette” sono il punto di incontro/ristoro in ogni azienda, negli ospedali, laddove convivono gruppi di persone che hanno bisogno di una pausa. Ora che sto scrivendo mi viene in mente anche un importante collegamento con “Ragione e pentimento” che non svelerò. Quando esistevano solo i distributori di bevande calde e fredde e funzionavano a gettoni, come quelli del telefono, mio padre in ditta, era l’addetto alla vendita, credo costassero tipo 3 gettoni mille lire, stiamo parlando degli anni 80/90, veniva retribuito dal gestore in gettoni, che lui rivendeva, (non l’ho mai visto prendersi un caffè) “arrotondando un po’”. Ricordo bene che con questa piccola entrata extra pagava i nostri abbonamenti ai mezzi pubblici, quando eravamo studentesse delle superiori, e saltava sempre fuori una mancia per le vacanze!
Lo rivedo seduto al primo piano, quando diventammo colleghi, verso le 8.15 (lui iniziava molto prima, è sempre stato un gran lavoratore!) con una borsa di cuoio in attesa di clienti, che non mancavano mai!
Quanto tempo è passato!
Ora i distributori funzionano con una chiavetta, o con la moneta e spesso danno anche il resto! Si è poi ampliata l’offerta di prodotti: merendine, tramezzini, bibite energetiche, all’estero ho visto addirittura la pasta! Quando andai a togliere i punti dei nei, poi passai da papà all’hospice; in quei giorni era tutto un cambiare metropolitana: gialla, rossa, verde, verso il centro, verso casa, diramazioni e insomma mi sbagliai e lascia passare per errore il convoglio che mi avrebbe portata alla fermata dove avrei preso poi il bus extraurbano per l’ufficio. (E strada facendo, c’è un km a piedi, mi si ruppe una scarpa!) Così mentre ne aspettavo un altro comprai uno yogurt alla macchinetta, sperando non s’inceppasse o mi mangiasse i soldi!
E a voi quale prodotto piacerebbe trovare nei distributori automatici?

Annunci

11 thoughts on “Distributori automatici

    • Grazie Emy (ho cliccato il tuo nome e salta fuori che sei in Australia?! Wow!) condivido soprattutto per le frasi incoraggianti, soprattutto al’inizio della giornata ci vorrebbero proprio!

  1. Ma che forza il distributore di libri! Qui ci sono anche quelli del latte fresco (e anche quelli di sigarette o profilattici. Ma quelli sono ovunque! :D)

    Ho visto in rete quelli di lingottini d’oro e d’argento.

    All’Ikea hanno quelli con il set di spazzolino di denti.
    Con i fazzoletti di carta.

    So bene che non è lo stesso ma io prediligo quelli di palline.
    Con dentro i gadget inutili 😀
    Ne ho a casa una serie infinita e conservo pure le sfere!

    A tale proposito ne ricordo con nostalgia uno di questi
    Ci passavo sempre davanti quando ero alle superiori. Conteneva una pallina con dentro Grisù e non sono mai riuscita ad averlo quel Draghetto!

  2. Non sapevo esistessero distributori di libri, mi sembra un’idea bellissima. A me conforta il pensiero dei distributori di bottigliette d acqua e anche di fazzoletti. Sono le due cose che ho sempre in borsa e che se mancano entro in ansia..
    Un abbraccio

  3. Ciao, ora che finalmente ti ho conosciuta personalmente mi trovo meno in difficoltà nello scriverti!!!!!!E’ stato davvero un piacere conoscerti e spero che ci saranno altri incontri! Grazie per essere passata da me! Mi piace questo post, bello il distributore di libri. Ho letto “La cattedrale del mare” (che non mi è piaciuto) e se fossi disperata e senza un libro, l’unico che forse acquisterei tra quelli nel distributore è “Al Buio” anche se non ho mai letto un libro di quell’autrice! Parlare di libri con te però mi mette ansia 😦 Cosa vorrei trovare nei distributori automatici? ……Ci penso e poi te lo faccio sapere! A presto
    =^_^=

  4. Io apprezzo le macchinette che distribuiscono caffè caldo in inverno (è la mia droga di metà mattina a scuola). Le macchinette che distribuiscono libri sono interessanti, soprattutto se non ci sono edicole o altro nei dintorni. Ma, con il digitale che incombe, credo avranno poca vita… o forse no. Chissà…

  5. cercasi urgentemente distributore di dirigenti con buon senso e capacità organizzative,
    chiavetta ricaricabile unicamente con sorrisi riconoscenti dei colleghi….

    utopia, eh?
    qui macchinette con latte, bottiglie del latte, formaggi e yogurt, albicocche, ciliegie, pesche….è l’ultima che ho visto, mi mancava!
    quelle dei libri mi lasciano un po’ perplessa…..come si fa a comprare a scatola chiusa?

  6. I distributori automatici li lascio alle merendine, bibite e latte, mi spiace, ma per i libri preferisco di gran lunga le librerie e le biblioteche, magari piccole, magari sfornite ma dannatamente vive, con addetti e dipendenti cui rompere le balle su consigli e recensioni e, soprattutto, annusare il libro prima di decidermi a comprarlo. Cosa vorrei da un distributore, invece? Lo so molto bene, ma se te lo dico poi ti metti a ridere, meglio evitare…

  7. ciao
    mai visto un distributore di libri. Non ci faccio caso da quando ho il kobo. Ok per i distributori automatici di bibite in particolare acqua. Mi piacerebbero anche i distributori di sacchettini per raccogliere la cacca dei bau.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...