Chic and chick 20/31

Se vi racconto, e di sicuro lo farò, come sono arrivato a quanto segue, ha dell’incredibile, perché sì, ormai è certo, l’editoria è un terno al lotto, in ogni caso mi limito a mettere di sicuro la notizia nella lista delle cose belle di dicembre, è la ventesima, ma se fosse una classifica meriterebbe il podio. Risale a giovedì sera, ma la sto metabolizzando solo ora. Ora che è sabato mattina, vi immagino alle prese con le ultime corse natalizie, io grazie agli ultimi eventi sono rimasta ulteriormente indietro, oggi tocca occuparsi della casa, Emanuele andrà da sua mamma, poi vedremo. Ma passiamo alla cosa bella.

“Cara Sandra,  siamo liete di comunicarti che il tuo racconto  “La matassa blu di Prussia” ha passato la selezione e sarà pubblicato da Delos Digital nella nuova collana Chic & Chick che partirà nel 2015.”

Si tratta di un racconto lungo, si compone infatti di circa 63 mila battute, cioè 35 pagine circa, che a quanto pare ha accontentato la richiesta, cito le testuali parole: le nostre chick-lit devono essere umoristiche e ironiche, soprattutto nella rappresentazione della vita e dei rapporti sentimentali, dentro e fuori dal rapporto di coppia. Le protagoniste devono essere donne maggiorenni, lo stile della narrazione deve tendere all’irriverenza e all’ironia/autoironia anche (e soprattutto) sugli argomenti sentimentali e sessuali.

In realtà volevo attendere la firma del contratto prima di dirvelo, non si può mai sapere… ma non ho resistito, perché ho davvero l’impressione che sia papà da lassù a governare tutto ciò. Quando ho ricevuto la mail, la stessa notte poi l’ho sognato, col suo sorriso buono, e soprattutto molto rassicurante: nonostante non potessi abbracciarlo (e mi faceva in effetti soffrire) perché separati da un vetro (io ero sull’autobus e lui giù alla pensilina), cosa che mi è parsa molto simbolica, era proprio lì per dirmi che è tutto a posto, che sta bene. L’intensità di queste visite è molto potente, molto più di quanto possa sembrare raccontandovele nel blog.

6a010536b33b69970b017eea72e8dd970d

Annunci

26 thoughts on “Chic and chick 20/31

  1. ci credo si sulla ntensità di queste visite, l’ho vissuta anche io nei sogni!
    I miei complimenti per questo nuovo risultato, Sandra!

    Io sono una di quelle alle prese con gli arretrati natalizi.
    Il nervosismo è all’ennesima potenza visto che quest’anno non ho potuto prendere nessun giorno di vacanza e sono indietro su tutto.
    Farò quello che potrò.
    E lo farò male.
    Non sono ancora riuscita a terminare le decorazioni di casa e questo mi rende abbastanza nevrotica.

    • Sarai anche indietro cara Sabrina, ma da ciò che vedo nel tuo blog vai alla grande, guarda che l’ho vista la chiave per Babbo Natale. Non credo quindi che lo farai male, lo farai benissimo e tutti saranno felici di averti accanto, ascoltami 😀
      Grazie anche a te e un bacione

    • Sì. tesoro, è un gran regalo e questi non sono sogni, lui mi viene davvero a trovare. E’ diverso quando sogno magari momenti passati o la malattia, al risveglio queste differenze sono molto evidenti. Ti abbraccio forte!

  2. Olla Sandra, ormai sei lanciatissima, brava!!!
    Tanti auguri a voi di buone feste (con la presenza non fisica ma altrettanto reale di tuo papa’), ed di buona guarigione a tua suocera!

    • Darling, devo postare i tuoi fantastici orecchini! Mia suocera spero non abbia altre coliche prima dell’intervento: sono molto dolorose. Ora è a dieta stretta, altro che abbuffate natalizie! 😀 poveretta lei! Ci risentiamo per gli auguri alla Sfolli gang

  3. Benvenuta in Delos, cara collega!
    Premesso che non è arrivato ancora il momento (cruciale) del pagamento dei diritti, io mi ci trovo bene. So che ogni collana fa un po’ mondo a sé e non conosco bene quello della tua, ma io ho trovato un responsabile molto disponibile (del tipo che alle mail risponde in giornata) e un gruppo di autori molto simpatico, disponibile al confronto e al sostegno reciproco. La casa editrice stessa si adopera per creare questo senso di appartenenza (si organizzano eventi per ritrovarsi e conoscersi).
    Ti avviso però che, almeno per quello che ho riscontrato io, dal contatto alla pubblicazione i tempi possono essere lunghi (certi, ma lunghi)

    • Trattandosi di una pubblicazione in digitale di una collana che partirà a inizio 2015, con uscite ogni 15 giorni credo che non ci sarà da aspettare tantissimo, ma va bene uguale. Devo riconoscere che la tua appartenenza a Delos ha avuto il suo peso nella mia decisione di partecipare alla selezione, e anche il fatto di avere un agente che si occuperà della parte contrattuale, sono molto stanca di beghe burocratico editoriali, al punto che ho già detto più volte che smetterò, e sapere di avere un agente che mi tolga la parte rognosa e un autore come te di cui conosco abbastanza da vicino l’esperienza mi ha dato molta fiducia. Ora tutto è rimandato a gennaio, “mondo scrittura” curerà l’editing (sono convinta che con questa collana stiano facendo scouting), io dovrò solo rileggere e firmare. Bello.
      Poi quando leggerai come ci sono arrivata, Antonella credo che converrai con me che i misteri editoriali sono frequenti. Bacione

  4. Davvero bellissima questa notizia! Se a pubblicarti si muove più d’uno un motivo ci sarà, no? Siamo in tanti a fare il tifo per te, un piccolo sospetto del fatto che tu vali un Perù dovresti averlo ormai. (Spero che si capisca intendo dire che tu in effetti VALI questo mitico Perù!)

  5. Ahahhahaha! Finalmente un po’ di sesso! Sto scherzando: si è capito che ti veniva richiesto un po’ di pepe 🙂 e va bene così perché hai fatto centro. Congratulazioni! Sono troppo contenta!!!

    My god, Sandra, che siano incontri vividi si capisce dalle tue parole e non stento a crederci. Ma almeno tuo padre ti sorrideva e tu proseguivi il tuo viaggio. Più simbolico di così!
    Ti abbraccio forte

  6. Che bella notizia, Sandra! E che bello il sogno con tuo padre, così simbolico, così vero: lui fermo alla pensilina, tu sul bus a proseguire la corsa. La vita va avanti, tuo padre ti guarda e sorride… Molto commovente! Un bacio, Francesca

  7. @ Barbara e Francesca mi avete dato un’interpretazione alla quale non avevo pensato, davvero vi sono grata. Io avevo più che altro notato la “barriera” l’essere vicini senza potersi toccare, ma ora che rifletto grazie a voi, ricordo in maniera molto vivida come l’immagine di papà abbia poi lasciato il posto a quella di mia madre, che infatti è ancora qui. Un bacio immenso!

  8. Sono contenta per te, per il racconto e la ritrovata vicinanza con tuo padre. Sono cose (queste ultime dei sogni intendo) che conosco bene e so quanto possano far bene all’anima.
    E intanto sto leggendo il tuo “Ragione e pentimento”. Mi sta prendendo molto, alla fine ti dirò per bene le mie impressioni 🙂
    Un abbraccio e buone feste!

    • “Mi sta prendendo molto” direi che è già un ottimo risultato. Grazie!
      Tu cara, sei stata artefice di questa pubblicazione, sai? Per scaramanzia ne parlerò dopo aver firmato. Grazie ricambio gli auguri, ma poi li farò da te.

  9. E’ una cosa bellissima, soprattutto se rapportata a tuo padre. A me era successo qualcosa di simile quando era morto il mio, ormai quasi vent’anni fa. Dopo qualche mese avevo ricevuto la notizia della vincita del 1° premio con il mio atto teatrale Il Canarino, e la sua pubblicazione in un’antologia. Con tanto di cerimonia di premiazione a cura del Comune di La Spezia e spilla d’oro. A volte si creano equilibri inaspettati…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...