Vigilia e Auguri 24/31

booktree_dettaglioSiamo arrivati alla vigilia, ho deciso di mettere un po’ in pausa il blog, perché la gente è giustamente presa dagli ultimi acquisti, i pranzi, gli incontri festosi e non ha tempo per la rete. Pochi giorni in cui le cose belle non si fermeranno, perché sono belle in sé: è Natale, non dimentichiamo mai il suo significato più profondo.

Oggi in ufficio c’era gente talmente nervosa da indurmi a pensare che questa aggressività fosse stata distribuita gratuitamente nei negozi, tra panettoni e giochi.

Ho lavorato fino alle 12.40, poi un panino al bar, e via verso il cimitero, devo confessare che lì sono un po’ crollata. Per qualche momento c’è stato il dubbio che mia suocera fosse dimessa oggi: si aspettavano gli esiti del prelievo, abbiamo cambiato velocemente i programmi ma pochi minuti fa si è saputo che no, non uscirà, c’è ancora un’infezione in corso. Tra un po’ andremo da lei. E domani certo di nuovo, mentre il pranzo sarà da mia mamma. Il tempo che rimane voglio che sia tutto mio e dell’Orso, con i nostri regali, la S. Messa delle 22 (che sarebbe quella di mezzanotte anticipata, nella nostra chiesa di fa così da quest’anno!), il brindisi e gli abbracci.

I miei auguri per voi sono sinceri, per chiunque passi di qui, fosse anche per un solo istante, per non tornarci più, per chi ho deluso, per chi non mi ha capita, per chi ha scelto di percorrere altre strade. Ma anche per chi c’è sempre, per chi mi ha sostenuta, per chi mi ha fatto compagnia, per chi aspettava che io parlassi di libri e poi andava a comprare ciò che suggerivo, per chi conosco di persona e per chi sta dall’altra parte del pianeta come collegagiramondo che mi ha appena inviato una mail dalla Cambogia.

Vi copioincollo ciò che gli ho risposto:

“Io mi sento un po’ sottosopra perché sono state settimane intense da tutti i punti di vista: al lavoro, con la mamma di Ema, con la mia malinconia da tenere a bada, con i regali che comunque è bello pensarli, farli e girare un po’ con la frenesia del Bonola pieno di luci, con un nuovo contratto di pubblicazione, non ancora firmato, ma arrivato proprio nei giorni scorsi per un racconto lungo che avevo lì e che ho proposto un po’ per gioco a un editore abbastanza noto, però sono anche fiduciosa che il 2015 mi porterà qualcosa di bello, di nuovo. I nostri papà da lassù ci guardano e sono fieri di noi, anche di te Fabry che hai raccolto la sfida di questo viaggio e te la stai cavando alla grande.

Ti auguro un Natale che sarà un po’ strampalato, ma sarà di sicuro anche bello, e unico e quando ripenserai a queste feste, magari tra tanti anni potrai dire “eh nel 2014 ero in Cambogia” pensa te!

Buon viaggio per la prossima meta, per tutta la strada che farai con le scarpe piene di sogni come dice Jovanotti, i voli e gli sguardi della gente che incontrerai, delle hostess orientali magari gnocche.

Voglio solo che tu stia bene e che non perda mai l’occasione per essere felice.”

Non perdetela neppure voi questa grande occasione. Vi auguro che nel trambusto di tante cose inutili possiate sempre trovare un attimo per raccogliervi con i vostri pensieri e ricordare che Gesù è nato per portarci e insegnarci l’amore e che è venuto al mondo in una mangiatoia, non in un luogo lussuoso. Vi auguro che i vostri vuoti siano almeno sopportabili, che ci siano tanti libri sotto l’albero e ovunque, e ci sia sempre almeno una persona a cui tenete, che vi aspetta, per dirvi

Buon Natale!

Annunci

9 thoughts on “Vigilia e Auguri 24/31

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...