Replicare i momenti di felicità

E così a questo 2015 sono rimasti solo tre mesi per recuperare ed essere promosso. Può farcela, ma ora come ora non è messo bene. Tuttavia un buon insegnante non deve limitarsi a fare la media dei voti ed esprimere il giudizio finale, quelli bravi spronano e sanno tirare fuori il meglio dagli alunni in difficoltà. E io farò così.

Messi ieri sera a conoscenza del programma con Olga, dove andrà a scuola e dove trascorrerà il doposcuola, no, non è lo stesso luogo, ci siamo attivati con l’organizzazione dei conseguenti giri (è chiaro che se avessi un figlio andrebbe a scuola nell’istituto situato nella mia via!), fattibili, ma abbastanza incollati con gli orari e la logistica del lavoro. Sarà dura, non ci sono margini, per cui occorrerà giocare d’anticipo con la cena e d’astuzia col cervello. Nel senso: poche deviazioni mentali su cose di scarsa importanza. E questo se tutto andrà liscio, senza malattie (mie, sue e dello stretto entourage).
Quindi, oggi è il giorno giusto per partire con un piano d’attacco su diversi fronti per: far raggiungere almeno la sufficienza al 2015, evitare perdite varie (di tempo, pazienza e lucidità) quando ci sarà Olga. Ho chiamato l’amministratore per la macchia in bagno (abbiamo già mandato le foto del nuovo danno), che ormai non è solo una macchia ma si sta già spaccando il muro, l’impiegato è efficente, ma se ALER (proprietario, lo ricordo, dell’appartamento di sopra) non risponde occorre frantumargli i coglioni regolarmente. Faremo anche questo.
In maniera più soft ho tampinato pure l’agente. L’ho chiamata, sì, sì, ha letto la mail, fantastico, allora le ho detto che secondo me si tratta di un’opera alla quale bisogna saltare addosso, poi magari è solo una mia illusione, ma tant’è. Ha risposto sì,sì di nuovo.
Mia mamma ha prenotato una visita che dovrebbe tranquillizzarla, spero, con un mega primario, ma prima del 23 non c’è posto, per cui si va in là. A livello medico io continuo a non essere preoccupata a fidarmi degli esiti precedenti, ma è lei sulla giostra ed è giusto che decida la modalità della corsa; io l’assecondo ma non voglio essere coinvolta nel vortice.
Cerco di guardare con razionalità ai problemi contingenti, di imparare dalla lezione del post precedente, a gestire un po’ meglio il tempo, cioè a correre di meno. E questa decisione riguarda anche il blog: per un po’ non risponderò ai commenti, che spero continuino ad esserci, perchè sono un vero arricchimento per il blog e per me, ma non voglio che mi venga la sindrome compulsiva, fonte di distrazione in ufficio, e di sedute eccessive al pc a casa. Il confronto non credo verrà meno: io propongo un pensiero (il post) e voi dite la vostra, è già uno scambio. Che poi io sia grata per la vostra attenzione a quanto scrivo mi pare anche logico. Quella che sono è saltato fuori in modo piuttosto veritiero, aderisco perfettamente all’immagine che vi siete fatti di me, per cui nel poco tempo che ho, preferisco darvi un pezzo di me con post più frequenti, piuttosto che con le risposte. Sono scelte, posso passare per maleducata, ma a volte si fa quello che si può, sperando nella comprensione degli altri, semplicemente.
Ero più felice quando scrivevo, di ora che attendo risposte, questo è un segnale serio, da non sottovalutare.
Riconoscere i momenti in cui si è stati felici e tentare di replicarli.

Annunci

11 thoughts on “Replicare i momenti di felicità

  1. MOLTI post, MENO ris-post 😀

    scherzi a parte, non ti devi mica giustificare! e poi vedrai che dopo il tour-Olga, tornerai a raccontarci con più calma e anche a ri-commentarci! noi siamo comunque qui, sappiamo che ci leggi, e se vogliamo una risposta immediata….ti telefoniamo!!! un abbraccione e un BUON OTTOBRE dal profondo dell’anima, è un mese bellissimo (parola di bilancia), non ti deluderà!

  2. Ottimo per l’agente! A me è tornata indietro la mail dell’invio… Ma ieri sera avevo la febbre ed ero così rinco che magari ho sbagliato io…
    Per tutto il resto, prenditi il tempo che serve, rubalo dove riesci. Il blog deve essere fonte di relax, non di stress

  3. La logistica coi tempi tirati purtroppo è la normalità, da noi. Diciamo che poi si apprezzano di più le volte che si può far con calma!
    Vedrai che ce la farete di sicuro!
    Ma rimane molto questa ragazzina?

  4. Sandra, che cosa bellissima hai scritto. Una sacrosanta verità: “Ero più felice quando scrivevo, di ora che attendo risposte”. Capita anche a me, solo che non l avevo ancora messo a fuoco( grazie!). Mentre invece hai perfettamente ragione: è un segnale serio, da non sottovalutare. In ogni caso, io ti leggo sempre, con e senza risposte. Un bacione, in bocca al lupo per tutti gli impegni e gli incastri di ottobre.

  5. Riconoscere i momenti in cui si è stati felici e tentare di replicarli. Come non essere d’accordo!?! Tanto più che esco da una settimana lavorativa da delirio con complicazioni inutili create da colleghi assurdi. Perciò… dedicherò il weekend a replicare piccoli momenti di felicità o almeno di tranquillità (già mi accontenterei), senza i quali non potrei affrontare i giorni a venire.
    Ti leggo sempre con molto piacere, seppure di corsissima 🙂
    Evviva Olga!

  6. La tua è una strategia da seguire! Già ci sono tanti rompiscatole in giro, sul lavoro o meno, non dobbiamo diventare rompiscatole di noi stessi, inventandoci nuovi obblighi. Un abbraccio!

  7. Quando sono abbastanza lucida in questi giorni, riesco a concentrarmi sul cammino e non sulla meta. “Ero più felice quando scrivevo” dici, esserne consapevole vuol dire già essere sulla buona strada.
    Goditi Olga! Noi continuiamo a leggerti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...