Sul finire del Natale 2015

Dopo i bagordi ci sta proprio benone un thè al mango (regalo natalizio) nella tazzona di Charlie Brown (altro regalo natalizio e non si sono manco messi d’accordo per l’abbinata!)

E’ stato un buon Natale, sereno, in pace sul serio con tutti, spero anche il vostro. Papà mi è mancato al punto che quando nei giorni scorsi mia madre stava facendo il conto dei posti a tavola, per valutare se aprire il tavolo, ho contato anche lui e ci ho messo un po’ a capire perché per me c’era una persona in più. Gli ho portato due mazzi di pungitopo giganteschi e continuo a chiedergli scusa per le troppe volte in cui non l’ho capito. A parte le note malinconiche 😦 sono state solo stelle quelle che ho scartato. W i regali, se significa che qualcuno ha pensato a noi! E le parole belle di chi spende tempo a dedicarci un pensiero, come collegagiramondo che ha ispirato collegafigo che mi ha fatta piangere con i ricordi di quando lavoravamo insieme e andavamo alla grande e se non li riporto qui è solo per un senso di pudore che in questa epoca si è un po’ perso (io per prima che racconto sempre i fatti miei a laqualunque).

Spero che anche per voi ci siano stati momenti così e tanti abbracci sinceri di spritz e moscato. W Natale, ha solo una colpa: amplifica vuoti e presenze, spero che abbiano vinto i secondi e sia stata una giornata semplicemente priva della follia quotidiana che spesso tira fuori il peggio di noi e ci costringe a stare con gente di cui faremmo volentieri a meno.

222Tra poche ore, caro Natale 2015, sarai già archiviato, mi auguro nel raccoglitore “giornate sì!” per tutti i miei carissimi lettori! Domani è S. Stefano, a casa mia giorno deputato agli avanzi e quest’anno anche a un attesissimo blog incontro! 😀

Annunci

8 thoughts on “Sul finire del Natale 2015

  1. Che bella la sera di Natale, dai, in poltrona in pigiama dopo aver raccolto le carte dei regali, sistemato casa, pensato a chi non c’era… E’ una felicità quieta, un silenzio abitato e un po’ malinconico, una voglia di condividere che resta, a volte, inappagata.
    Un bacio grande, cara Sandra.

  2. Natale archiviato in serenità e cum gaudium magnum. Nessuno ha spadellato, siamo andati a mangiare fuori… Oggi S. Stefano tra l’altro è l’onomastico del figlio, e per festeggiare andiamo a vedere “Star Wars”. Un abbraccio e buona navigazione verso il 2016.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...