Turbo Time (cit.)

Se si inizia l’anno col turbo, si rischia di arrivare a febbraio, quando le vacanze estive sono ancora lontane, già in riserva sparata. Il culmine del self è coinciso con le trattative con l’editore (peraltro ancora in corso) di cui vi ho parlato e in quei giorni non ho messo nulla del mio quotidiano in stand by. Nulla. Ho avuto la giusta dose di vita sociale con gli amici, di mamma, di mestieri (ho fatto pure i vetri!) mentre in ufficio la faccenda è sempre sfiancante. L’unico freno è stato impormi di non fare straordinari, ma non certo per il periodo compresso, questo è un proposito per l’intero anno, anzi  no, da qui alla pensione 😀

Ho inviato un racconto a una rivista femminile di largo consumo, ricordandomi di quando avevo già fatto l’esperienza che era andata un po’ bene (mi hanno pubblicata subito) e un po’ male (non mi hanno mai pagata e di recente mi è giunta la raccomandata di un avvocato: l’editore è fallito e sono tra i creditori citati dal tribunale). Ho un curriculum pazzesco di casini. In ogni caso il giornale non ha risposto. E poi ho anticipato l’invio di Figlia dei fiordi alla mia agente. Non mi piace per niente non avere un buon rapporto con loro. Hanno risposto con uno slancio gentile assai apprezzabile, dicendomi che cercheranno di far passare la lettura del manoscritto davanti ad altri.

Come promesso a me stessa ora mi placo. Vado a fare due passi fuori dove settimana scorsa ho già visto le prime margheritine. Il medico mi ha detto (ah sì, sono pure andata dal dot.!) che se non amo lo sport (non sono una sportiva) di camminare (già lo faccio, ma di più) e evitare l’ascensore. Abito al 3^ piano e non lo prenderò più, a meno di avere le borse della spesa.

Nel blog per ora mi sono limitata ad aggiornare la sezione “Scopri chi sono” che è diventata “Io e le mie pubblicazioni”. Non ho capito se CreatEspace ha bruciato Novelle nel vento che non è ancora disponibile, ma vi racconterò di questi patemi nella rubrica fissa sul self il giorno 5 con una puntata parecchio densa.

Annunci

11 thoughts on “Turbo Time (cit.)

  1. E non ho detto che giusto martedì scorso, ho detto “basta, chiudo tutto e andiamo a vederci Star Wars” mica era sbagliata la programmazione in internet e pure sul Corriere della sera di carta e arriviamo al cinema e non c’era? Giungla cinematografica!

  2. mi hai fatto venire l’ansia……siccome al momento sono subissata di lavorazzi orrendi, leggere di tutte queste cose in sospeso mi ha come trascinato nel vortice!
    comunque, volessi venire a pulire anche i miei vetri, sei ovviamente la benvenuta 😀

  3. Beata te…io arriverò di nuovo stasera all’ultimo a scrivere il post settimanale.
    La nuova “macchina da scrivere” è lì che attende, la vecchia dev’essere ripulita per cambio gestione (tentativo di informatizzare un altro genitore), un racconto è lì che attende di essere scritto…non parliamo del quadernetto fermo…però oh, non ho resistito, sto mangiando parole a nastro. Mi hanno passato Grey (carino, terribile scoprire che ho molto in comune con lui 😛 ), ora sono tornata sulla saga di Outlander, ho cominciato OnWriting di King (non sapevo se leggerlo, non lo avevo ancora cercato, ma ho trovato una prima edizione intonsa in uno scatolone di libri che mi hanno dato da buttare, salvati; non è mai un caso, quindi lo sto leggendo), e ieri non ho resistito ed ho comperato Life&Death (Twilight riedizione con sessi scambiati) e son qui che fremo per cominciare anche quello.
    Secondo me è colpa del divano…è colpa sua se leggo più che scrivere!!

    • Il trucco è non passare in zona divano, io passo giornate a non calcolarlo. Ieri sera ho fatto un’oretta di lettura in silenzio. Ho tentato con le sfumature, sì, lo confesso, va bene l’erotismo, ma ciò che non sopporto è la sottomissione, me lo sono fatta prestare e lo ridarò senza leggerlo.

      • Salta la parte del contratto, salta al finale dell’1 e poi salta al 2. Ed è da lì che comincia la storia. 😉 Il resto l’hanno aggiunto per marketing. Grey è molto più divertente perchè ti rendi conto di quanto il sottomesso (senza accorgersene) sia lui. Non sottomesso a lei, ma sottomesso al colpo di fulmine.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...