Colleghe di mezza età

“Donna di mezza età” l’avrebbero definita un tempo, ma lei si riconosceva ancora nel termine “ragazza”, che in effetti a 47 anni era ridicolo. Ben portati, occhei, ma il mezzo secolo spuntava da dietro l’angolo sul serio. Stava già avvertendo i primi segnali della pre menopausa, li aveva accolti con gioia: l’impiccio del ciclo non l’aveva portata a riprodursi, finalmente poteva davvero dimenticarsi della faccenda, non c’era più tempo, non c’erano più illusioni. Talvolta, tuttavia, c’era ancora il groppone fatto di lacrime da gestire.

In quanto ai segni estetici, alcuni, come i capelli striati di grigio chiaro, le piacevano persino, al punto di aver scelto di non tingerli più. Qualche giorno prima le era capitato di cercare a lungo gli occhiali e quando li aveva trovati su una poltrona erano tutti storti, aveva realizzato solo in quel momento di essersi seduta sopra. Ecco, agli occhiali aveva fatto fatica ad abituarsi, ma nel complesso sorrideva pensando alle donne della sua età quando lei invece era bambina e si sentiva incredibilmente bene, come se strada facendo fosse riuscita ad alleggerire il carico e ora il viaggio le sembrava più agevole. Be’, il giusto compagno di quel viaggio aveva il suo peso. E lei, seppur tardi, l’aveva trovato.

La nuova collega coetanea le sembrava patetica con quella massa di capelli ricci tinti in casa che buttava in giro, dalla quale spuntava regolarmente una riga di ricrescita molto più bianca della propria. Per non parlare degli occhialoni da sole da vamp per nascondere le rughe. Non sarebbe stato meglio, visto che prima o poi le toccava toglierseli, usare un efficace siero antirughe?

La cosa buffa comunque era che mezza età o no continuava ad andare in giro con un libro in mano, nella borsa o talvolta in tasca, proprio come quando di anni ne aveva quaranta in meno; tutti quei chilometri nelle suole per tornare al solito punto di partenza, poi certo molte cose erano in realtà cambiate, da bambina odiava gli spinaci e adorava gli asparagi, adesso era esattamente il contrario, ma le buone storie quelle non aveva smesso di portarsele appresso e dentro. La collega no, lei diceva di non avere tempo per leggere e comunque di preferire il cinema. Ah. Non erano mai diventate amiche. 

Annunci

14 thoughts on “Colleghe di mezza età

  1. L’età è quel che uno si sente. Vedo “ragazze” di 30 anni in palestra che sembrano più vecchie di me. Forse perchè non leggono libri. Chi scrive poi, non invecchia mai! 😉

      • Torno domani per gli auguri ufficiali. Oggi l’età è sfasata, se c’è la salute io credo che 30 40 50 e pure di più abbiano lati positivi. Anni fa andai al compleanno di una sessantenne che come regali ricevette quasi solo articoli per la moto: giubbotto nuovo, casco ecc. Un tempo sarebbe stato impensabile!

  2. quasi 50 e non sentirli….oppure dipende dalla giornata, dall’attimo, dalla felicità, dall’incazzatura, dal complimento inaspettato o dall’immagine riflessa in uno specchio, dalla lettura che ti cattura, dal film che ti lascia frastornata (così andrei d’accordo con tutte e due le colleghe 😀 …. la solita bilancia pareggia tutto), io ci sto molto comoda, grazie!
    siccome domani di qui non passo, tanti auguri di Buona Pasqua a te, Orso, e tutti gli altri!

    • Dipende dalla giornata sì, quando ho scritto questo racconto, chiaramente autobiografico, ero in buona. Auguri a voi. Torna presto perchè dopo gli auguri ci sarà un post col botto!

      • torno martedì, ma darò un’occhiatina anche da casa, è che dal cell faccio fatica a commentare!
        beh, rileggendo il racconto tu ti sarai pure seduta sugli occhiali, ma mia sorella li ha cotti nel forno e una volta li ha persi nel freezer…..come vedi, è sempre questione di giornata!

  3. @ un ottico bravissimo e soprattutto nel centro commerciale sotto casa, era domenica, dove chiaramente non li avevo comprati, me li ha raddrizzati aggratis. Erano inservibili.
    Apperò la sorella, nel forno temo non ne siano usciti tanto bene.

  4. @ Francesca, questo è fine a se stesso. Le 2 colleghe oggi hanno discusso pesante 😀 e l’amica ora 66 enne credo (ho perso il conto) ha avuto diverse rogne di salute non da poco ma è sempre tostissima
    @ Iara: mia nonna è mancata a 100 anni, se regge la salute ci farei la firma, sai quanti romanzi posso sfornare?!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...