Weekend a Barcellona (no, non io, a me basta il divano)

Questa settimana (cominciata con una visita medica andata bene, ma lavorando fuori Milano e non guidando andare poi in ufficio comporta un certo sbattimento) mi ha sfiancata. Anche il fisioterapista mi ha trovata malmessa al punto che verrà sta sera, dopo soli 3 giorni dalla precedente seduta. L’estate non decolla ma non riesco a preoccuparmene. Il weekend promette bene in termini di socialità e relax. Poi 2 settimane ancora e sarò in vacanza e pure in part time con una formula sperimentale proposta dalla direzione dopo lunghe trattative. Sarà diverso da come l’avevo progettato, ma voglio sperare che il cambiamento significhi davvero miglioramento; anche se forse nei giorni di non lavoro (è un part time verticale al 60% ma  i giorni in cui starò a casa sono tutti di fila) più che scrivere, mi occuperò dei miei nipoti, ma questo è molto bello. Ho in mente un post un po’ articolato sui personaggi, ma non ho la forza di scriverlo. La scrittura continua a essere lontana, come un luogo dove ho soggiornato e dove non sono certa di voler tornare.

Sfoglio Le affinità affettive, in cerca di un pezzo per il buon weekend, qualcosa che evochi viaggi, magari, visto il periodo. Eccolo: Barcellona pag. 271

Non v’interessa Natallia e lo smielamento di una coppia senza figli che stravede per lei e ringrazia la vita che ha tentato di fare ammenda, mandando la biondissima bimba dalla Bielorussia? Non significa che il romanzo non faccia per voi. Ci sono tre fuori di testa: collegafigo, Luca e Cesare, alle prese – tra le tante cose – con un addio al celibato a sorpresa a Barcellona! La seconda linea narrativa è un inno alla vita e strizza l’occhio all’universo maschile declinato nei soliti modi: birra, calcio e gnocca, con sorprendenti risvolti sentimentali. Perché anche loro hanno un cuore ♥♥♥

 

Annunci

8 thoughts on “Weekend a Barcellona (no, non io, a me basta il divano)

  1. Sono stata a Barcellona un mese e mezzo fa e l’ho trovata meravigliosa (prima volta in Spagna, tra l’altro)! Ho visto anche lo spettacolo della Fontana Magica del video, e scoperto che il nome Montserrat è tipicamente catalano. E’ una città che offre delle emozioni indimenticabili. Molte persone che conosco vorrebbero andare ad abitare là, la qualità della vita è ottima nonostante la disoccupazione.

    Buon fine settimana! 🙂

    • collegafigo anzi no, scusa il vero collegagiramondo che l’ha ispirato ha sempre una porta aperta su Barcellona, dove si è trasferita la sorella di sua madre anni fa. Sono contenta se il video ti ha riportata a quella bella vacanza, io sono stata in Andalusia – la Spagna più tipica nell’immaginario collettivo – e a Majorca.

  2. spero che il weekend sia andato bene!
    il brano non l’ho letto perché voglio leggere il libro e ho il terrore degli spoiler. sto aspettando di avere tre ore consecutive in cui litigare col pc e con l’ebook reader per riuscire a comprarlo in edizione digitale. non capisco se sono imbranata io o se è effettivamente complicato il reader… non vedo l’ora comunque! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...