Chi ha vinto? Com’è andata…

0393

0398

Prove generali d’autunno sul lago domenica 18 settembre e prove di cambi di luce per la stessa fotografia, ovviamente by Orso!

A fine giugno ho lanciato questa iniziativa. Oggi comincia l’autunno nonostante le temperature siano ancora assai gradevoli, ed è quindi giunto il momento di fare la spunta, scoprire gli obiettivi centrati e quelli ahimè mancati. Personalmente avevo chiesto:

  • Salute
  • Figlia dei fiordi
  • Clima a Milano
  • Spensieratezza in Grecia e ovunque andrò

Si sono aggiunti:

  • Barbara, che avrebbe voluto vincere una connessione dignitosa
  • Marco, che filosoficamente si sentiva già vincente con la presenza dei suoi cari sorridenti (possiamo verificare se qualche sorriso non si sia magari perso per le strade estive, lasciando – capita – il posto a malumore e preoccupazioni)
  • Iara, voleva vincere 2 mesi di libertà da dedicare in parte anche alla scrittura
  • Tenar, un prefetto amico e qualcosa di grosso ma misterioso 😀
  • Claudia, di conoscermi finalmente di persona (ma grazie) magari anche posticipando l’incontro in autunno
  • FrancescaBianca, anche lei con una vittoria top secret (che mi ha rivelato in privato)

Chiaramente invito gli amici qui sopra a raccontarci com’è andata, sperando nella vittoria per tutti, mentre sappiamo che il desiderio di Barbara si è realizzato poco dopo averlo espresso e pure che non si è realizzato invece quello di Claudia, ma lei già aveva anticipato di prolungare il periodo, per cui la partita non è chiusa proprio per niente. Molto bene!

E vi svelo i miei ho vinto/ho perso. Partiamo:

  • Salute, molto bene: nessuna corsa al PS, nessuna malattia, niente ricoveri o degenze casalinghe per me e i familiari, solo piccole cose (tipo il mio stomaco). Desiderio realizzato.
  • Figlia dei fiordi, molto male: nessuna risposta da parte di nessuno a cui ho inoltrato il manoscritto tra fine maggio e fine luglio. C’è ancora tempo, ma inizio a pensare che non si farà vivo nessuno, no neppure quelli che “rispondiamo a tutti!” Desiderio non realizzato.
  • Clima a Milano: oh sì, l’estate dal meteo amico. Caldo, ma con picchi comunque sopportabili, qualche gradito temporale, nulla che abbia allagato gite o feste all’aperto, ci metterei la firma per altre mille estati così. Desiderio realizzatissimo.
  • Spensieratezza in Grecia e ovunque andrò: solo rari puntini hanno annerito i miei cieli azzurri di questa estate 2016, piccoli pensieri bui del tutto indipendenti da me, ma che mi hanno talvolta coinvolta. Desiderio realizzato al 95%.

Sono soddisfatta, ho decisamente messo a segno più vittorie che sconfitte, e soprattutto quell'”ho perso per le mancate risposte al mio romanzo, a parte non essere definitivo, ma era il punto meno vincolato alla stagione estiva.

Un caldo atroce (vedi 2015), una vacanza interrotta dopo una corsa al PS e mille preoccupazioni protratte per mesi (vedi 2015 again), una conseguente spensieratezza che va a farsi friggere (vedi 2015 again and again) sono di gran lunga peggiori.

E adesso, diamoci dentro con l’autunno, la mia stagione preferita! Yeahhhh!

Annunci

12 thoughts on “Chi ha vinto? Com’è andata…

    • proprio per niente, confermo, il campionato è appena cominciato. E pure l’autunno serio, un temporalone che ho messo i piedi sotto il phon asciugamani dell’ufficio!

      • qui oggi fa finta…..gran nuvoloni, qualche tuono….molto rumore per nulla!
        Dimenticavo: STUPENDE LE DUE FOTO!!!!!!!!!!!!!!!!!

  1. Eh già, sono in fibraaaaaa!! (come la dice Bruce nella pubblicità)
    Mi è toccato pagare due abbonamenti per 2 mesi (che la disdetta effettiva parte dopo 30 giorni dalla raccomandata e non importa se tu hai staccato la linea, trinciato il cavo vecchio, paghi per altri due mesi…), ma non importa. Riesco a lavorare bene, più veloce = tempo risparmiato per altro 🙂
    Delle due foto, la 2. Adoro il blu, ovviamente. Ma sembra davvero una di quelle foto meravigliose che mi passano in bacheca dalla Scozia! Come dire: l’Italia non ha niente da invidiare ai Ben e ai Munro scozzesi!

    • Ottimo per la fibra, anche se il doppio pagamento non è il massimo.
      Domenica in quel tratto di lago ho infatti escalmato “sembra troppo di essere in nord Europa!” allineate nel pensiero, as usual.

  2. Cara Sandra, è un bilancio fantastico! Per quanto riguarda i silenzi, pazienza, ma senza rassegnazione. Guardare avanti, sempre.
    Io ho avuto i miei due mesi di vacanza… in un certo senso. In realtà, ho lavorato su progetti che durante l’anno non posso curare: il teatro e la musica. Anche se temo che resteranno parentesi estive, ma l’ho accettato. La cosa più bella è stata fare il Pieno di giorni trascorsi con mio figlio senza che arrivasse mai il momento dei saluti. La lettura, come sempre mi ha regalato emozioni bellissime e alcuni libri mi stanno aiutando molto. La scrittura è un’avventura inebriante. Momenti di euforia, terrore, vergogna, magia, rabbia, sfiducia e poi, tutto daccapo! È normale? Mi è capitato di scrivere 25 pagine, le ho rilette, riscritte, rilette, cancellate e modificate… all’ultima lettura delle 25 pagine ne erano rimasti 10 righi. Ecco come procede. Dimmi tu… vado tanto male? La cosa però sai qual’è? Che non me ne importa niente di aver concluso poco. (Anche se alla fine un paio di capitoli li ho scritti.) Non sono mai stata così felice da un sacco di tempo. Per me, un’estate da pollice in su. Baci. 😃

    • Ragazza mia tu hai centrato l’obiettivo senza remore! Hai comunque scritto un paio di capitoli ed è normale altalenarsi tra euforia e sconforto quando si scrive, soprattutto all’inzio quando la propria voce non è ancora ben definita. Non sono stati così felice da un sacco di tempo… ma davvero hai bisogno di sentirti dire: wow solo un grande immenso wow! Go on this way.

  3. I tuoi obbiettivi centrati mi sembrano ottimi, per i libro c’è ancora tempo. 6 mesi sono il tempo medio di risposta per un editore, prima è inutile fasciarsi la testa.
    Io ho centrato l’obbiettivo lavoro, il che toglie un enorme peso da tutto quanto. Per gli altri chissà, ci si lavoro, si aspetta, tutto sembra procedere, anche se con snervante lentezza.

    • Grazie sì un ottimo bilancio e Figlia dei fiordi ha appena cominciato il suo cammino, scriverlo è stato uno dei testi che mi ha appassionato di più e fatto faticare di meno!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...