Dopo DDD

Ricorderete le DDD, ebbene ora abbiamo aggiunto una D, Dopo Difficili Decisioni Definitive, giro di boa e siamo andati oltre. Ma di cosa parlavamo precisamente? Di non rinnovare il contratto con l’agenzia letteraria che rappresenta i miei diritti e propaganda le mie opere. Essendo io una grande fan dell’agente, è stata dura prendere questa decisione e ritrovarmi sola a battermi per i miei lavori.

Dopo aver spedito la raccomandata ho mandato una mail meno formale a Patrizia e Maria di goWare, (che revocare il contratto con l’agenzia significa in pratica lasciare goWare) che sono state preziose e di cui non posso proprio lamentarmi. Anzi. Spero che potranno capire la mia posizione e apprezzare le mie parole, non sono frasi di circostanza, né l’intenzione di giustificarmi. Il problema risiede altrove, e voi lo sapete bene. Mi manca il riconoscimento sociale, essere reperibile con facilità in libreria, essere almeno un po’ un nome e se non pubblichi con l’editoria tradizionale di fascia alta, questo non succede, con buona pace di tutti i ragionamenti che possiamo fare tra noi blogger.

Sospiro. Ora cosa si fa? Punto sulle mia forze? Ahahah. Figlia dei fiordi è finito in un’ altra dimensione ostaggio della più totale indifferenza, il tempo speso per scrivere agli editori è davvero tempo perso.

Torno dov’ero 4 anni e più fa. Quando per la prima volta lavorai con CBM, la quale non è un’agente e tiene alla giusta divisione delle competenze, a non mischiare ruoli e professionalità; lei è una editor, non propone le opere alle case editrici, ma presenta quelle che l’hanno convinta ad alcuni agenti con cui lavora. Non è detto che gli agenti poi accettino di rappresentare l’autore, ci sono appunto già passata nel 2012 con Ragione e pentimento, CBM disse sì, massimo entusiasmo, l’agente disse no, massima delusione (la mia). Però arrivare ai grossi nomi partendo da CBM è assolutamente possibile, e già successo (non a me, ovvio.)

Ripercorro questa strada con Non è possibile. Sapendo che nel frattempo il mercato si è saturato ancora di più, ma ho dalla mia diverse pubblicazioni e tanta gavetta.

Fiduciosa? No. Impaurita? Un po’. Perché il rischio che tra un anno io sia ancora qui con due opere da piazzare è alto. Però la DDD è stata presa e si parte da qui.

Annunci

9 thoughts on “Dopo DDD

  1. Diceva Einstein: “La follia sta nel fare sempre la stessa cosa aspettandosi risultati diversi.”
    Perciò, avanti tutta Sandra. Prima o poi sto iceberg lo massacriamo, che non siamo mica il Titanic! Ci sono ben altre navi adesso! 😉

  2. Infatti no, non si può pensare di cambiare facendo sempre le stesse cose, così come il miglioramento parte sempre da un cambiamento. Si naviga a vista e avanti tutta, sì! Grazie. Chissà dove andremo, ma godiamoci un po’ anche la compagnia di sto viaggio, che quella è bella di sicuro!

  3. Sai che leggendo le tue parole ho provato una sorta di sconforto totale? Non fartene carico, ma se tu con le tue indiscutibili capacità ti ritrovi a dire e pensare questo non so proprio io come mi sentirò alle prese con il mercato. Conosco personalmente una scrittrice che con Garzanti pubblica un libro all’anno e con costanza scrive e presenta in contemporanea. Se ha dovuto fare i salti mortali per arrivarci non lo so, di certo mi ha parlato dell’agenzia letteraria Meucci di cui fa parte come batteria. E’ un investimento anche quello nelle proprie capacità, ma non saprei dire se è l’unica strada. In tutta sincerità io non l’ho intrapresa e non sono nemmeno un quinto di quello che sei tu. La speranza però è che presto la sorte ti arrida, te lo meriti davvero Sandra.

    • La Meucci per me è la N. 1. Ci ho provato, ma ha uno strano metodo di scouting, morale ti dà un’unica possibilità, nonostante quindi (scusate, questa cosa l’ho già raccontata ma non so se Nadia se la ricorda/l’abbia letta) mi disse “lei scrive molto bene, ma è l’originalità della storia che non colgo” non posso più proporle altro sperando sia più originale quindi appetibile. Poi magari la strada per arrivare alla Meucci si trova, eh, per farsi rileggere, ecco. Lei è una garanzia, infatti la tua amica pubblica con Garzanti, vedi che tutto torna?
      A 6 anni abbondanti dal mio primo romanzo, con altre 4 pubblicazioni, con un certo numero di gente che mi deve soldi in diritti maturati e mai pagati, lo sconforto pare il minimo, no?
      Grazie davvero, Nadia. Un abbraccio spero di non essere contagiosa nel mood.

      • No contagiosa no, ma io che ho gli occhi foderati di prosciutto è bene sappia a cosa vado incontro. Non ho le possibilità di investire con l’agente letterario, e nemmeno quella certezza di essere la brillante ed originale scrittrice su cui puntare. Che poi lo sappiamo bene la ricetta è in dosi misteriose fortuna, bravura, momento giusto e chi lo sa? Ma questo mercato alla disperata ricerca di originalità è davvero un bel grattacapo.
        Lo sconforto invece per quanto motivato è davvero irritante. E’ vero che si scrive per una gratificazione personale, ma pare il minimo anche il giusto riconoscimento. L’unico consiglio che ti posso dare sfrutta questo momento per tirare fuori la grinta. Non si molla. Mai.

  4. Hai fatto bene a scrivere anche personalmente alle persone con cui hai lavorato bene, è un segno di stima che manca spesso nelle relazioni d’affari.
    Il DDDD non sarà difficile come il DDD, più che altro adesso prova a pensare di scrivere un libro su “Le cinque D: determinazione, dedizione, delusione, disimpegno, distacco”.

  5. Hai proprio ragione, certe decisioni vanno prese, e poi vada come vada, tanto di certezze non ce ne sono comunque. Tanto vale seguire il proprio cuore e la propria testa, che a volte vanno anche d’accordo. In bocca al lupo! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...