Evento Buck e il terremoto al Municipio 6 di Milano

E’ stato bello, bellissimo. Nonostante la nebbia gelida e un’affluenza che speravo maggiore.

Sulla pagina FB dell’antologia è stata postata la diretta, purtroppo non per intero, io arrivo verso il 30^ minuto con tutta la mia tipica gestualità.

Emozioni? Sì, tante. Quando è arrivata Silvia Algerino con la quale mi ero scritta fino a ieri sera tardi ed era “no, non vengo!”. Quando ho ritrovato Serena e ci siamo chiarite piccole divergenze passate e se lo scrivo qui è per dire che il confronto è possibile, è una realtà. Grazie Serena! Emozioni con un cagnolone di 60 kg. Emozioni con il Municipio 6 di Milano e l’entusiasmo dell’assessore Sergio Meazzi che ringrazio qui pubblicamente. Emozioni di sapere, non lo sapevo, che i pacchi di Natale della Melinda – mela trentina  Dop esportata in tutto il mondo – conterranno anche Buck e il terremoto.

Emozioni quando ho ricordato il terremoto del ’76  in Friuli (trovate l’intervento nel video), nel realizzare quanta strada abbiamo fatto io e Rosa, da quando ci siamo conosciute. E poi festa, con gli autori, con la editor, la grafica e i simpatizzanti. Chiacchiere proseguite per un panino con alcuni di noi, il panino – sia detto – nel bar più imbranato del mondo. Michele, il marito di Silvia, ha riassunto lo spirito dell’evento con una frase che voglio riportarvi:

“Poteva essere un incontro per conoscervi, invece è diventato per farvi conoscere!”

Ci siete mancati, cari altri autori! Grazie a tutti per questa esperienza che di certo è solo all’inizio e ora è in cerca di continuità. Spero di potervi incontrare tutti, dal Trentino alla Sicilia, non è un modo di dire perché davvero ci sono l’autrice trentina e l’autore siciliano. E anche di rivedere gli amici a cui ho stretto la mano oggi per la prima volta.

La forza delle parole, della solidarietà e della diversità tra noi che non è gara, non è antagonismo ma arricchimento continuo e voglia di fare.

Grazie di cuore a chi non smette di diffondere la nostra iniziativa fuori e dentro il web.

Annunci

24 thoughts on “Evento Buck e il terremoto al Municipio 6 di Milano

  1. Ho deciso davvero alle nove di stamattina di venire e, come vi ho detto, è stato mio marito a convincermi. Così alla fine l’immensa voglia di conoscervi ha vinto sulla mia repulsione per il caos della grande città. Sono felice che sia stato così e siete stati il mio vero regalo di compleanno e di Natale. 🙂

  2. Sandra, le tue emozioni sono anche le mie. E’ stato un momento bellissimo, oggi, e siamo la prova vivente che un progetto comune unisce giovani e meno giovani, adolescenti da un po’, Indie, tradpub, facciabucchisti e nosocial, in nome della scrittura e della voglia di fare qualcosa di buono.
    E faccio mio il pensiero di Silvia, che tra parentesi mi ha fatto prendere un piacevolissimo colpo al cuore con la sorpresa di oggi! Posso dire che stamattina ho avuto il primo regalo di Natale di quest’anno. Non si può mettere sotto l’albero, perché è troppo grande. Un (altro) abbraccio! ❤

  3. @ Silvia, Serena grazie ancora (e ora basta col ping pong dei grazie) per me quindi un regalo di compleanno con 6 giorni di ritardo e di Natale con 7 di anticipo. Un trionfo di condivisione, mi è piaciuto confrontarmi con tutti, parlare di Bookabook con Daniele e di editing con Sara. Siamo una squadra fantastica, senza falsa modestia che proprio non mi appartiene.

  4. Bravi, una bella presentazione. Ho visto tutti e trentatré i minuti di diretta e adesso sono in tremendo ritardoooo. Però corro con soddisfazione. 😀
    Buona domenica a tutti.

  5. Anche a me è piaciuto molto esserci, anche se soffrivo di leggera trasparentite.
    Il panino è stato saporito e l’incontro delle nostre risate ne ha amplificato il gusto.
    Poi finalmente pure io ho avuto modo di chiarire con Serena sulla divergenza che da tempo di angustia. Il tono di tramonto che si scorge dalle Alpi Occidentali. Proprio non riuscivamo a metterci d’accordo. Io ero convinto che fosse rosso carminio, Serena insisteva che fosse rosso cremisi. Per fortuna è intervenuta Silvia che ci ha messo d’accordo concordando per un bel rosso amaranto. 😀
    Siete state meravigliose… Epperò, non so se avete notato che ero roso dalla gelosia per Daniele Savi… cioè… unico maschietto del gruppo ad essere beato tra le donne, non mi pare poco. 😉

    • I mariti hanno un po’ pareggiato i conti sulla disparità di presenza maschile, però sì, Daniele era l’unico autore maschio presente e non so come l’abbia vissuto. Silvia ha sempre una parola di pace e questo le fa onore. Io più mi rivedo e più penso “ma davvero parlò così?” e mi trovo buffissima. Un abbraccio ci sei mancato ma tanto tanto tanto, quando ti vedrò dovranno chiamare le forze pubbliche per liberarti dal mio abbraccio!

      • No, non è facile. Siete un gruppo forte, pian piano riuscirete a trovare le giuste soluzioni, come trovare nuovi posti per promuovere il libro. In bocca al lupo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...