Pioggia di stelline, profumo di tiglio

Ho fiutato che c’era qualcosa di diverso non appena ho sentito l’odore della mia padroncina prima del suo arrivo al cancello. Euforia e cose buone insieme: il massimo. Come quando mi rotolo nelle foglie secche spargendole in giro e so che nonostante la marachella non mancherà un bocconcino prelibato con la cena. Sentivo nell’aria una sorta di pioggia di stelline col profumo di tiglio, quello preferito da Juliette, ma naturalmente non c’erano né tigli né stelle, solo lo stropicciamento delle novità. Crocchette incredibili e lei che canticchiava come non mai. Bellissimo.

Le polpettine fragranti non le avevo mai provate prima, va detto che Juliette non compra troppe scatolette e per il cibo che gli umani definiscono umido si arrangia da sé, vale da dire che mangio ciò che mangia lei o quasi. No, amici, non intendo avanzi, voglio dire che prepara due porzioni. Però, nonostante il piatto della sera fosse industriale era proprio gustoso. Ho guardato uggiolante la ciotola vuota, fiduciosa nel bis ma niente, su queste cose Juliette tende a essere un po’ rigida. La dieta, già. Però la magia che si era sparsa dall’ingresso fino all’interno della casa non cessava. Inizia a far freddo e io ho il permesso di rimanere in soggiorno, solo in soggiorno, fino al camino, dove è posizionata la mia grossa cesta. Adoro stare davanti al camino. In ogni caso non sporco in giro, so perfettamente dove fare i miei bisogni e la mia cuccia è un grosso prefabbricato rosso e verde sulla destra del cortile, quella è la mia dimora, se entro in casa sono ospite e gli ospiti a modo sanno come comportarsi.

Così ho visto Juliette fare avanti e indietro verso il ripostiglio dove tiene appesi certi vestiti che non mette mai, cose eleganti. Se li è provati tutti uno a uno, e poi nella camera a specchiarsi e ritorno, ho sbadigliato un paio di volte.

Musette, se ti annoi puoi andare a giocare col cane dei vicini!” Mi ha urlato lei, ma con uno sfarfallio nella voce: sa bene che io e Rocky ci detestiamo e giocare con lui non è certo in cima ai miei desideri, tutt’altro. L’ha detto per prendermi in giro. A un certo punto è apparsa con una gonnellina tutta a pieghe, ha fatto la ruota, per me, e si è aperta come un ombrello. Il maglioncino abbinato era strano, tipo peloso, quasi come me: che poi non si lamenti se lascia pelucchi in giro, eh. Ho abbaiato in segno di approvazione: era splendida. Allora lei ha smesso con questa manfrina dell’andare avanti e indietro, ha riposto il completo su un bracciolo della poltrona come fa sempre con ciò che intende indossare il giorno seguente, ha preso un libro e un biscottino. Io l’ho guardata come solo io so fare e come solo lei sa intendermi e ne ha lanciato uno anche a me.

“Bada, soltanto uno!” Mi ha detto e c’erano ancora quei campanelli nella sua gola che credo abbiano molto a che vedere con l’attenta scelta dell’abbigliamento per l’indomani.

 cuccia-per-il-cane

Se siete interessati ad altre puntate di Parola di Musette, ditelo nei commenti. Non mi offendo se non trovo consensi, sto facendo una prova, grazie! 

Advertisements

15 thoughts on “Pioggia di stelline, profumo di tiglio

  1. certo che siamo curiosi, che domande! soprattutto di sapere dove va Juliette 😀
    piccola nota: non so se l’immagine deve rappresentare “esattamente” il testo, perchè in questo caso la cuccia è diversa (lo so, lo so, dopo pranzo sono ancora più spaccama….ni 😀 )

    • Lo so, infatti c’ho pensato pure io, ma non ho trovato la cuccia giusta, e ne ho viste parecchie, questa era abbastanza tenera (non è che potessi mettere tipo un alano!) e mi pareva accettabile. Un bacione
      ps. piove!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...