Di fighi e cose belle (a parte il mio giro vita)

Abbandoniamo per oggi Teresa Ciabatti, diamo a tutti il modo di decomprimere una lettura che ci ha preso fino al midollo e facciamo un po’ di sano cazzeggio blogghistico.

E’ arrivata l’estate in anticipo, o forse è solo un’avvisaglia; nel weekend abbiamo inaugurato la stagione valtellinese con i soliti rituali e annessi ed è stato bello. Ho ricominciato il part time ed è molto bello pure questo.

Simpatiche mucche valtellinesi lungo la ciclabile del Sentiero Valtellina.

Sto rassegnandomi al mio girovita, la prova della tragedia incombente è aver regalato una gonna che mi piace(va) un sacco a mia sorella che è alta un paio di centimetri più di me ed è sempre stata pure un paio di kg più di me, ha fatto due figli e niente, a lei va quasi larga, io sembro un involtino. A ogni capo d’abbigliamento estivo che tiro fuori tocca chiedermi se ci entrerò.

Ho una notizia bomba, no, non mi ha risposto Mondadori con un contratto di lusso… ricordate collegafigo? Sì, se avete letto Le affinità affettive non potete averlo dimenticato, sapete pure che è abbondantemente ispirato a collegagiramondo, che due anni e mezzo fa ha lasciato l’azienda per un anno sabbatico in giro per il mondo. Ebbene da ieri è tornato a lavorare nel mio ufficio!!!!!!!!!! Yeaahhh.

Ha dato le dimissioni uno, uno che potremmo chiamare collegachenonhalamiastima, per non scendere in aggettivi spregevoli, e già questo chiaramente equivale a un bel bingo, collegafigo è stato quindi contattato per una sostituzione. Io e lui ci siamo sempre scritti quando era all’estero e visti regolarmente al suo rientro, anche se non sarà affiancato a me come mansioni, come ai vecchi gloriosi tempi, il suo ritorno è qualcosa di immenso per me! E la cosa davvero divertente è che ora tutti, anche chi non ha letto il mio romanzo, lo chiamano collegafigo.

A proposito di fighi, per me lo è di gran lunga il giornalista che ho visto al Salone.Orso: Guarda, quel giornalista (facciamo sempre un gioco a punti su chi riconosce più persone famose), uff. come si chiama? (perché il punto venga assegnato occorre esclamare “mi gioco e il nome”).

Melina: Travaglio.

Orso: Mi gioco Marco Travaglio.

Io: Foto, foto. Posso?

Travaglio: Sì.

Io: Ma glielo dicono mai che lei è proprio bello?

Travaglio: No.

Io: Forse le dicono che è bravo.

Orso: Non so se il punto sia valido perché il nome l’ha suggerito Melina.

Poco più in là abbiamo beccato un altro giornalista che mi piace molto professionalmente, Marco Damilano. Niente foto, gli ho solo chiesto se fosse lui, per potermelo giocare.

Ed eccoci invece finalmente con la foto dell’incontro con Nadia (a destra) e la sua amica Camilla (al centro), uh quanto ce la siamo chiacchierata. Ciao, girls!

Giusto oggi mi sono raccontata con gran piacere alla cara Nadia, cliccate per l’intervista nel suo nuovo blog!

Buona giornata!

Annunci

14 thoughts on “Di fighi e cose belle (a parte il mio giro vita)

  1. Oh la foto! Sono per un istante tornata lì alla Fiera a mangiare seduta a molla sui gradini. Che bellissimo ricordo. Grazie me lo conservo davvero con il sorriso nella scatola dei ricordi.
    Ma veniamo al resto, certo che hai fatto centro con il personaggio vip, molto fotogenico, ma anche la storia di collegafigo mica è tanto da poco. Sempre un bel vedere sotto gli occhi fa diventare anche il lavoro meno pesante.
    E poi sappi che la felicità fa allargare il giro vita, quindi scegli o felice e con l’armadio nuovo o infelice e sempre con gli stessi abiti.

    • Stavo valutando l’acquisto di una di quelle creme snellenti. Però molti vestiti in realtà mi vanno ancora, soprattutto quelli un po’ scivolati, per cui non credo che farò chissà quali acquisti, meglio spendere in libri! Travaglio dal vivo è meglio che in tv, io sono alta un metro e un dado ma lui è proprio alto.

      • Ma le creme non so quanto siano miracolose, l’idea di Barbara di certo fa più effetto, perché ti assicuro il personaggio in questione stimola molto il sacrificio.

  2. Adoro come riesci a parlare di te, Sandra. Io mi vergogno da matti o forse non è che abbia molto da raccontare. Novità in ufficio, ma soprattutto grossi incontri nel tuo caso.Io già lo sapevo attraverso Nadia. Pensa che avrei voluto venire a Torino. Ma niente, non è buono programmare nel mio caso. Attraverso Nadia è come se fossi stata lì. Una foto che racchiude un sospirato incontro, uno di quelli che ci promettiamo a vicenda, ma come si nota, qualcuno si realizza. E meno male.

    • Qualcuno si realizza e se ne realizzeranno altri, tempo al tempo, ci sono persone che ho in agenda da anni (vero Claudia, Bologna?) ma arriveremo anche lì e magari anche in Umbria. Grazie per le tue parole, Tiziana.

      • Di nulla, Sandra. Da nove anni vivo nel Lazio, ma torno quando posso in Umbria. Sono regioni vicine. 🙂
        Si dice che i rapporti virtuali non sia buoni, solo uno scambio artificiale. Non è così, con alcuni è quasi come sfiorarsi.

  3. Cioè, tu sei andata da Travaglio spudoratamente a dirgli che è bello?? Avrei voluto esserci!! 😀 😀 😀
    Bene per il rientro di collegagiramondo, magari Sandra ti partirà l’ispirazione per nuove storie!
    Sul giro vita… quando vuoi iscriverti anche tu al My Peak Challenge sai dove trovarmi. Chiedi a Nadia, che l’ha visto, se il mio allenatore “virtuale” non fa venir voglia di andare in palestra tutti i giorni 😛

    • Io odio la palestra! Uffff. Sì, la scena con Travaglio era molto sandresca, ma anche quella non documentata con Marco Damilano, che camminava a testa bassa, ci ha sfiorati, mio marito aveva il dubbio se fosse lui, io l’ho rincorso per la gara e gliel’ho chiesto sbraitando “è lui 5 punti” e spiegandogli il gioco aggiungendo, “ma mio marito ha visto Travaglio quindi siamo pari.” Lui ha annuito mestamente – ritenendomi credo una fuori di testa – dicendo che sì Travaglio era al salone. Sì, sta volta riconosco di essermi fatta prendere la mano. Guardare la Gruber con sti due non sarà più la stessa cosa.

  4. Ciao Sandra, sei sempre mitica! Quindi mi dici che Travaglio è un figo pazzesco?
    Sono felice per il tuo part-time ritrovato e soprattutto per il ritorno di Collegafigo!

    • Il mio part time è diventato fisso ogni mese! Una sorta di giro, si va in ufficio per 12 giorni lavorativi e si sta a casa per altri dipende da com’è il calendario 8/10.
      Sì, Travaglio a me piaceva già, nel senso è il mio genere di uomo, ma di persona uuuuuuhhh. Un bacione carissima.

    • Tranquilla, lo so che mi leggi – sui bus talvolta ma non troppo se no Gomiti – grazie felice che ti sia piaciuto, a me piacciono i miei post un po’ di cazzeggio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...