Vacanze italiane

La città prescelta dove trascorreremo l’anniversario di nozze e i giorni che lo precedono è Trieste! Emanuele c’era andato anni fa con amici, ma non ha visitato il celebre Castello di Miramare, io invece non ci sono mai stata ed è nei luoghi dei desideri da tempo. L’idea è quella di fare anche qualche escursione in Slovenia.

Le vacanze italiane hanno un fascino che tutti ci invidiano e che secondo me, pur essendo innamorata di molte località all’estero, è davvero unico, inimitabile e immenso. E’ inutile, il nostro è il più bel paese del mondo.

Lo sa bene del resto anche Penelope Poirot, nipote del celebre investigatore belga, nata dalla sagace penna di Silvia Arzola che pubblica con lo pseudonimo di Becky Sharp. Penelope Poirot fa la cosa giusta e sceglie di trascorrere un periodo di relax in una clinica nelle colline del Chianti, con la segretaria Velma Hamilton; è novembre e il delitto avviene sulla neve bianca. Italica vacanza dunque, mistero e uno stile impeccabile per una narrazione portata avanti da Penelope e da Velma le cui voci si alternano nel raccontare.

Così, quando in estate Penelope decide di scrivere un reportage su il male inglese, lo fa accompagnata dall’instancabile Velma partendo dalla splendida Portofino, ma ahimè anche lì un assassino le rovinerà il soggiorno. Anche se, in realtà, lei adora sguazzare tra vecchi rancori, passioni sopite e invidia che si arrampica come un’edera nell’animo.

Penelope Poirot nasce, dal punto di vista letterario, lo scorso anno e con il secondo libro, uscito a giugno, si conferma una lettura molto piacevole. La trama avvincente si incastra nei panorami retrò di luoghi noti ai Vip, località che ritroviamo spesso sui giornali di cronaca mondana, ma che indubbiamente non lasciano indifferenti neppure chi non è famoso.

Io ho letto entrambi i romanzi con gusto: il primo lo scorso anno quando mi trovavo sul Lago d’Orta, e il secondo ora a Rimini. Mi chiedo dove andrà in villeggiatura Penelope la prossima volta. Positano? Taormina? Di sicuro il crimine la seguirà o la precederà e lei saprà raccontarcelo con uno stile molto personale, grazie al quale è stata eletta in poco tempo a nuova eroina del giallo finto-inglese, perché l’autrice è appunto italianissima.

Da scrittrice posso dire che invidio molto a Silvia Arzola la capacità che ha avuto di caratterizzare così tanto un personaggio e costruirci intorno un mondo, un linguaggio e un’ambientazione quasi con prepotenza, al punto che riesce a farsi perdonare la furberia di inventare una parentela, per avere un’ottima base sui cui partire. Brava!

Annunci

5 thoughts on “Vacanze italiane

  1. Trieste è stu-pen-da! Ho seguito un cliente laggiù anni e anni fa, e la sera mi ritrovavo a girare il centro, bello ad ogni stagione. Il massimo sono le lucine blu in Piazza Unità d’Italia la sera e la passeggiata lungomare. Il castello di Miramare visto ancora alle medie, solo l’interno perché ovviamente essendo un solo giorno di gita all’anno pioveva a dirotto… :/
    Non sapevo della nipote del caro Poirot, quasi quasi una letta… 😉

    • Abbiamo l’hotel vicino a P.za Unità d’Italia e sono certa che m’innamorerò del posto. Penelope Poirot è una lettura molto distensiva che di sicuro mi sento di consigliarti.

  2. Avevo intuito che potesse essere Trieste, perché degli altri capoluoghi d’Italia a te vicini avevi già parlato e mi pareva di aver captato che non ti allontanerai troppo.
    Non sapevo che Poirot avesse una nipote 😉 e niente… tocca allungare la wishlist 🙂
    Buon ferragosto cara!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...