Impicci e alberi di Natale

Sono state giornate un po’ rognose, avevo in mente di relazionarvi in merito, dopo aver stressato i whatsApp friends, ma poi mi sono detta che avrei ottenuto il poco piacevole risultato di ripensare alle grane, per cui cambio rotta e mi butto sul Natale.

Ah sì, tra le varie cose che non riesco a fare: ingrandire le foto nel blog, inserire i link nascosti (clicco il solito simbolo e non si apre nulla), e ancora pubblicare recensioni su Amazon (mi rimbalza con un riprova) e questo è niente di ciò che mi è successo. Per cui vi dico che la foto se ne sta lì in fondo piccolina, ed è presa dal negozio Ecliss, altrimenti detto Christmas Village in questo periodo. La scritta Joy e la pallina Macaron le abbiamo comprate (ammesso che riusciate scorgerle visto il di cui sopra problema dimensionale). Stop. No, i fastidi della settimana sono stati altri, questi sono dettagli.

Si diceva Natale. Noi abbiamo fatto l’albero e qualche giro di regali in anticipo, ma neanche troppo. Spero davvero di riuscire a ritagliarmi un momento (dopo che avrò risolto le questioni e riaffidato i bimbi a mia sorella, domani e dopo sono zia sitter full time) magari per esplorare anche una nuova zona di shopping che verrà inaugurata a Milano dopodomani. Sogno di andarci e compare tutti i regali. Sognare è gratis, probabilmente ci sarà un delirio di gente che manco si riesce a uscire dalla metropolitana senza venir calpestati.

Ma veniamo a noi. E a voi. Perché un paio di voi mi hanno chiesto chissà cosa faranno adesso Anna e Cesare? (A sto punto linkerei sotto Anna e Cesare, Figlia dei fiordi, ma niente, non me lo fa fare). Chissà! E loro me l’hanno raccontato, e se volete posso a mia volta raccontarlo a voi.

Chi desidera quindi ricevere il mio racconto dal titolo “L’albero di Natale” può dirlo nei commenti, utilizzerò la mail che usate per commentare come indirizzo a cui spedire il testo, con i miei auguri.

Potrete stamparlo e distribuirlo come vi va. Non ci sono limiti di tempo, però ecco, magari non arrivate la vigilia. Grazie! Oh, volevo inserire un cuoricino e pure questo non me lo fa fare…

Annunci

19 thoughts on “Impicci e alberi di Natale

  1. Che succede? C’è insubordinazione da parte di tasti, link e altro? Non sono una bravissima ma hai provato a aggiornare? Magari ci sono pugni a cui dare solo l’ok. Ma sono certa che Barbara saprà darti il consiglio giusto.
    Natale😍ah! Che bello riempire casa di decorazioni… andare a comprare regalini… inizia il periodo più svuota portafoglio dell’anno!

  2. Barbara è bravissima ma a volte è troppo tecnica per me, e poi ha già troppo da fare, vediamo di arrangiarci. E’ vero periodo svuota portafoglio e riempi cuore però!

    • Se riesci a resistere dopo l’11/12 (la conosci questa data? 😀 ), poi possiamo vedere di dare un paio di randellate pure al tuo blog! Magari ci accordiamo per una sessione da remoto, come faccio con i clienti: appicci un programma e mi condividi lo schermo, temporaneamente, e vediamo insieme che combina.
      No, non è Star Trek, tranquilla. 😉

  3. Mi prenoto per il racconto di Natale. Ci metto i tuoi riferimenti, lo stampo e poi lo uso come biglietto di auguri su tutti i regali.
    A proposito di regali… non ne ho fatto ancora mezzo. Ah no, uno l’ho preso, col Black Friday che era impegnativo, ma era da tempo che lo tenevo d’occhio e per Natale è perfetto. Per il resto, ho poco spirito natalizio quest’anno. E’ che quest’anno il “Natale con i tuoi” mi sta orribilmente stretto. “Natale in Scozia” mi piacerebbe di più. I sagittari son fatti così, c’han voglia di andare a zonzo, scalpitano peggio delle renne al 24 sera. Mi sa che quest’anno con i regali o mi ridurrò all’ultimo o passo a gennaio. C’è anche da dire che gli anni scorsi poche persone ricevevano i regali con gusto. Se regali libri, io non leggo; se regali abbigliamento, sta stretto, sta largo, non lo uso, ce l’ho già; se regali cibo, sono in dieta; se regali giochi, passatempi, non ho mica tempo per ste cose; fai un’opera di beneficenza, eh ma chissà dove andranno; se regali elettronica, avevano già visto un altro modello. Certa gente si merita proprio il Grinch….. 🙂

  4. @ Newwhite bear, prendo nota, grazie
    @ Barbara, il terrore degli ospedali, casi di malasanità e nomi uguali, mannaggia, capitano! Per il pc sta tentando Marco, grazie infinite e vediamo cosa riesce a fare, è molto bravo e si è offerto dopo aver letto il post. Il racconto benissimo, il Natale mi sto grinchando pure io nelle ultime ore…

  5. Io al Natale sono un po’ assuefatta ormai, avendo un negozio di articoli regalo espongo cose già dai primi di Novembre, arrivo a Natale che non ne posso più.
    Mi prenoto per il continuo. Grazieeeeeee 🙂

  6. Certo che voglio il racconto di Natale! 🙂 Per la dimensione delle foto non saprei che cosa consigliarti visto che siamo su due piattaforme diverse, blogger ad esempio ridimensiona automaticamente le foto se sono troppo pesanti. Per le recensioni su Amazon, ho pubblicato gli estratti delle mie ultime recensioni sulle antologie, cliccando in alto su “XX recensioni” mi compare la scritta “Scrivi la tua recensione” ecc.
    Per concludere, farò l’albero il giorno dell’Immacolata. Di solito lo faccio a S. Ambrogio, ma quest’anno sono via.

  7. Pingback: Blogging at Xmas: una settimana migliore | ilibridisandra

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.