Blogging at Xmas: una settimana migliore

Leggo gli aggiornamenti tra i miei blog preferiti e trac, due oggi fanno gli auguri di Natale e chissà, ci si rivede nel nuovo anno! Ma come? Di già? Adesso? Ora? Davvero?

Ebbene sì, manca una settimana e si sta entrando in modalità sospensione festiva, le priorità sono altre, il tempo scarseggia, la stanchezza incombe. Attualmente io sto lavorando in concreto per proporvi qualcosa che spero apprezzerete e non metterò il blog in pausa.

Il giorno 25 pubblicherò di sicuro la consueta puntata di Amo il greco; mentre sto preparando quello che dovrebbe essere un gran pezzo, contiene un’intervista a un editore straordinario e verrà pubblicato dopo l’Epifania per dargli la giusta visibilità che nel periodo festivo non avrebbe. Stay Tuned. Poi posterò per la primissima volta nella vita, l’elenco di tutti i libri letti nel 2017, quest’anno infatti mi sono decisa a segnarli, potranno scaturire diverse considerazione credo interessanti.

Intanto ho trascorso un ottimo weekend in meravigliosa compagnia e mi sono riappacificata con, mah non tanto con il mondo, quanto con me stessa e il mio lato oscuro. Sto bene, la schiena non è del tutto a posto ma decisamente migliorata, il resto davvero ok.

Chi ha aderito alla mia proposta natalizia ha già ricevuto il racconto via mail. Ringrazio pubblicamente Barbara che ha PDFato il testo dandogli pure una meravigliosa veste grafica e una nota di marketing.

A presto e buonissime ultime frenetiche corse e cose in vista del 25! Spero che possiate trovare un attimo per raccogliere i pensieri e godervi un sorso di cioccolato, la vista di un fiocco di neve che cade (se cade), il crepitio del fuoco nel camino, un canto natalizio che arriva non si sa da dove a scaldare il cuore e a ricordare al mondo che Gesù è nato per insegnarci ad amare incondizionatamente, non a sperperare la tredicesima, impazzendo nei centri commerciali, scontentando per primi noi stessi.

Annunci

17 thoughts on “Blogging at Xmas: una settimana migliore

  1. Ciao cara, io in effetti pensavo di prendere una pausa. Per me questo periodo di assenza di lavoro ufficiale mi ispira per dedicarmi alla scrittura del romanzo. Perciò credo limiterò le pubblicazioni. Ma troverò sempre il tempo di leggere le parole delle mie amiche blogger 😁

  2. Io gli auguri di Natale li faccio… il giorno di Natale! Lavoro fino all’ultimo e se mi muovo, la barca webnauta è sempre con me. Perciò ti leggerò anche il 25 😉

  3. Io sono già partita con gli auguri perché rischio sempre di dimenticarli altrimenti, tra spese, recite, preparare pranzi, organizzare cose, vedere gente, dormire… no ma basta correre, io mi voglio riposare. Anche perché la tredicesima da spendere non la tengo, la voglia di venire ingoiata nei centri commerciali nemmeno e quindi vado in letargo…
    Però che bella idea quella degli auguri di quest’anno, Sandra, chi non li riceve non sa cosa si perde. Io l’ho detto! Brava Barbara! Ti ho già lodato in privato. Kiss kiss

    • Grazie Nadia, ma al solito è questione di destino. La mail di Sandra arriva che sto proprio facendo l’albero, c’è sempre un pc acceso in casa, le manca il pdf, poi guardo e dico: aspetta un po’, e se ci mettessimo… 😉

  4. @ Elena, bene per la pausa da dedicare al romanzo, io non vedo l’ora di staccare, ma non dal blog! E grazie se passi di qui dove sei sempre la super benvenuta!
    @ Barbara, noi siamo allineate, come sempre direi.
    @ Nadia, grazie, sì Barbara è stata eccezionale, però il racconto lo può davvero godere solo chi ha letto Figlia dei fiordi, altrimenti si perde tutta la magia natalizia di Cesare e Anna, no? In quanto a correre aspettiamo tutti una tregua.

    • Non sono d’accordo che il racconto sia godibile solo per chi ha già letto Figlia dei fiordi, piuttosto può essere un bell’incipit per incuriosirsi a leggerlo! Comunque, farò la prova: lo metto proprio nei pacchetti di chi non l’ha letto e vediamo cosa mi dicono. 😉

      • Però svela la relazione tra Anna e Cesare, questo è il mio dubbio. Poi certo spero incuriosisca i destinatari dei tuoi regali. Grazie.

  5. Tanti auguri anche a te e ai tuoi cari, Sandra! In famiglia il furore consumistico non ci tocca, perciò ci è più facile ricordare il valore del Natale. Spero in giorni di “warm hearts”, un’espressione che mi piace molto. 🙂 (Spero anche che la tua scapola si sia rimessa in forma.)

  6. La scapola è a posto grazie al pronto intervento del fisioterapista e all’aggiustamento della porta.
    Warm hearts a te e ai tuoi, qui ci si dà da fare e sembra che si stia già passando un buon periodo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.