Semplicemente che sia un anno buono

Cari amici di questo blog,

vi auguro di finire l’anno con la pace nel cuore e come si dice in Valtellina “fuori dal letto” (nel senso non malati) e magari “con le gambe sotto il tavolo” (ma anche no, se preferite cene light, un buon film o un momento di introspezione a cenoni sfascia stomaco e veglioni rumorosi). E di cominciarlo semplicemente bendisposti a quello che verrà, ma se dipendesse da me vi porterei solo cose belle!

Grazie di cuore per questo 2017 pieno di visite, commenti, spunti di riflessioni e discussioni. Abbiamo parlato tantissimo di libri e autori, abbiamo fatto due letture collettive, ho proposto i romanzi che in qualche modo hanno smosso qualcosa dentro di me, mi sono lagnata, mi avete fatto forza, e poi vi ho portato con me in viaggio oltre confine (Lisbona, Corfù e La Slovenia) e in altri posti più vicini ma altrettanto entusiasmanti. Ci siamo catapultati in Grecia il giorno 25 di ogni mese e poi siamo tornati qui a raccontarvi un po’ della mia città, della mia famiglia e soprattutto dell’Orso. Sono la blogger zia sitter, autrice part time che si guadagna principalmente pane e companatico grazie agli adempimenti fiscali, ma so nasconderlo piuttosto bene e non lo direste mai.

Grazie a: Serena P. Barbara Webnauta, Elisa B. Claudia Bologna, Nadia B. e Nadia P., Chiara, Giulia, Cristina, Megalis, Paolo Seme Nero, Elisa Elena, Edoardo, ovvero gli amici/lettori che in quest’anno sono usciti dallo schermo per incontrarmi nelle strade, a Milano, Torino, Bologna, Imperia e Mantova. Sono state tante prime volte, e in alcuni casi sono seguite pure le seconde.

Brindiamo alle terze volte che verranno nel 2018, agli amici che ho rivisto quest’anno pur avendoli incontrati precedentemente, a quelli che ho conosciuto nel 2016 o anche prima e quest’anno niente, non siamo riusciti a intercettarci nel caos quotidiano che ognuno porta avanti, ma siamo sempre in contatto.

A chi non ha fisicità, ma solo schermo e talvolta voce, chissà se il 2018 sarà l’anno giusto per stanarvi.

Auguri a tutti voi, a chi mi segue da anni e chi da poco, a chi dice la sua e a chi è silente, grazie per il contributo, per esserci, per aver voglia di trascorrere del tempo qui.

Che sia soprattutto un anno nuovo senza tribolazioni, un anno buono e generoso.

Un caldo abbraccio dalla vostra Sandra

Annunci

29 thoughts on “Semplicemente che sia un anno buono

  1. Buon Anno Sandra!! ❤
    Io quest'anno cerco di impegnarmi per il Salone di Torino, ho avanzato un bel po' di ferie da usare! Chissà che sia l'occasione di ritrovarci in tanti! 🙂

    • Il Salone già me lo pregusto, anche se prima c’è Tempo di libri, spostato ai primi di marzo e vicino a casa mia! Sarebbe fantastico vedersi in tanti a Torino. Un bacione

  2. Auguri e splendidi orizzonti. Di certo ci rincontreremo, di certo sarà un bellissimo anno, ma io lo spero migliore perché quel treno fermo in stazione partirà.
    Auguri a te e Emanuele!

  3. @ Nadia, sì, incontrarsi dopo tanti anni di frequentazione in rete è stato impagabile! Stasera al tg regionale hanno fatto vedere Mantova (per l’aumento del costo dei parcheggi) ed ero lì in fissa a guardarla e a ricordare quei 2 giorni tanto belli. Grazie!
    @ Grazia, uh da leccarsi i baffi mi piace proprio!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...