Edit. al post qui sotto dicasi aggiornamento doveroso

Qualcuno, un lettore (nel senso genere umano, non è detto che sia maschio) di questo blog ha postato la propria opinione circa chi si lamenta dell’editoria, apostrofandolo con titoli quali “frustrati e rompicoglioni”.

Considerato che io al caso non credo mai, trovo quantomeno curioso che il post su FB sia giunto proprio poco dopo la pubblicazione del mio post qui sotto.

Ora, qui – per esempio quando si è parlato recentemente di Amazon – la porta è aperta e spesso si sono creati confronti interessanti, costruttivi e seri anche se si camminava dalla parte opposta delle idee. Nessuno però si è permesso di usare certi toni. Del resto ognuno vende la mercanzia che possiede.

Il post su FB potrebbe anche, ma dubito fortemente, non essere una reazione al mio, e qui mi fermo, ma siccome l’assassino torna sempre sul luogo del delitto caro/a noi qui  non si pretende proprio nulla, visto che è la domanda che ti poni, piuttosto si chiede rispetto, ciò che evidentemente a te manca, visto che hai preferito percorrere la scorciatoia dell’insulto, piuttosto che quella ben più difficile, ma preferibile, del dialogo.

Dopo cena, risponderò ben volentieri a tutti i vostri commenti sotto, scusate ma tocca mangiare presto che c’è la riunione condominiale oooohhhhmmmmmm! 😀

Annunci

25 thoughts on “Edit. al post qui sotto dicasi aggiornamento doveroso

  1. “frustati”? ma “frustati” tipo Mr.Grey con il gatto a nove code? o voleva dire “frustrati” e il lapsus freudiano l’ha fregato? 😀
    sul “rompicoglioni” invece rispondo come Maga Magò: Graaaaaazie! Lo faccio di mestiere. E mi pagano anche bene!! XD

    • Uhh aspetta che correggo il refuso è tutto mio! Mi sa che Mr Grey ha fregato me!
      Si percepiva un certo livore, ma tanto, cara Barbara, noi ci parliamo poi in privato.

      • No cara, il refuso è tutto suo. Ho il printscreen del post qui sotto il naso! Avevo già controllato. 😉 (vedi che ha ragione a dire che sono “rompicoglioni”?)

  2. Penso che la maleducazione sia la voce di chi ha pochi argomenti da scoccare, nessuna freccia… e come tale considero la persona che ne fa uso. Ignorandola.
    Poi ci sta l’aver toccato nervi scoperti o argomenti dolenti, ma purtroppo il dialogo e il confronto sono sempre i mezzi ideali… il resto, mezzucci.

    • Carissima Nadia, io non ce l’ho fatta a non dire nulla. Non mi faccio dare della rompicoglioni frustrata senza replicare e se avessi preso un granchio sono qui e mi si dica “non mi riferivo a te, ma piuttosto a bla bla” e ci si spiega, invece no.
      Per cui oltre ad aver sbagliato la sede, la pagina FB anziché qui, ci sono pure le offese, eh no. Punta sul vivo non l’ho ignorato/a. Dai dai, domani torno al lavoro e avrò meno tempo, ma se mi si pestano i piedi il tempo lo trovo pure di notte 😀

      • Io lo capisco. Se ti sei sentita offesa e in questa maniera piuttosto vile, dicendo verità, hai replicato, ma ora dammi retta: ignora. La gente non cambia, resta immersa nelle proprie certezze.

  3. Uh ma che è successo? Sei sicura che la frase fosse proprio diretta a te? Se è così è una cosa odiosa. Anche a me è capitato e ci sono rimasta molto male. La gente pensa che su Fb possa dire quello che vuole, ma in realtà il mondo è piccolo e poi le cose si vengono a sapere, pure se non si è direttamente amici. Oltre tutto nel post non ti eri neppure lamentata, quindi non capisco. Bah.

    • Mi è stata riportata da più fonti come un chiaro attacco al mio post, ora sono certa che la persona in questione sia tornata qui e ha continuato poi a esprimersi nella sua pagina FB ma ripeto la cosa giusta da fare era dire in questo spazio, magari con toni diversi, “no guarda hai preso una cantonata” per me chi tace in questo caso acconsente.

  4. Certo che poi io che pretendo di insegnare l’educazione agli undicenni sono proprio un’illusa se tra noi (adulti e pure acculturati) ci comportiamo così. Tristezza.

  5. non sono su FB quindi mi limito a dire che il confronto delle idee civili è più proficuo ma visto quello che si dicono sui media tante persone – poco educate – non c’è nulla da stupirsi se in molto preferiscono urlare e insultare piuttosto di dialogare.

  6. Deve esserci qualcosa nell’aria… anche al lavoro da me è successo qualcosa di simile e l’atmosfera è pesantissima. Tanto che sto meditando di trasferirmi altrove.
    Non ti curar di loro, ma guarda (guardandoti alle spalle) e passa.
    Credo nel Karma. La ruota gira… e gira per tutti. Non arrabbiarti!

    • Qui l’atmosfera non è più tesa perché le persone moleste si sono fatte terra bruciata intorno e poi non essendo lavoro ognuno va e viene a piacimento. Non sono arrabbiata!

  7. Gli insulti su facebook sono proprio irritanti e sgradevoli, mi dispiace. Io penso che l’editoria sia sottoposta alle leggi del mercato e della globalizzazione che avvilisce il lavoro come accade ormai per la maggior parte delle aziende. Si guarda al profitto a scapito della qualità del prodotto e dell’organizzazione del lavoro. Se una CE si preoccupa esclusivamente di storie che possano vendere allora può perdere molto, anche storie che potrebbero vendere moltissimo. Harry Potter è stato rifiutato da 13 case editrici, ma questo non ha insegnato niente…

    • FB è una piazza in cui chiunque si mette a gridare come gli va, incurante del buon senso, del resto, come dice CBM, se dessimo un megafono a ogni passante di P.za Duomo a Milano e potesse urlare ciò che vuole, ne sentiremmo delle belle. No, i rifiuti di Harry Potter e di molti altri testi diventati poi celebri e immortali (Anna Frank fu rifiutato perché “a chi mai potrebbe interessare la storia di una piccola ebrea?) non hanno insegnato a guardare oltre dinamiche svilenti e strade ormai troppo battute.

  8. Purtroppo FB sta diventando sempre più uno sfogatoio di frustrazioni personali oppure un amplificatore delle proprie vanità. Ci si può confrontare anche in maniera vivace, ma l’insulto proprio no… non è ammissibile in nessun caso. Mai. Hai fatto bene a replicare.

    • Grazie per l’appoggio.
      ps. ieri mattina ero da Romeo per un caffè, perché ero in largo anticipo per andare a ritirare i nipoti al catechismo al Don Orione! 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...