Piccole felicità vere in un periodo di stanchezza

I primi fiorellini azzurri nel prato vicino all’ufficio avvistati oggi. Si chiamano Non ti scordar di me, e pure Occhi della Madonna, ma il nome botanico è Myosotis e per me sono sempre il simbolo della fine dell’inverno.

Ricevere un divertente whatsApp dal nipote.

Partecipare a un corso di formazione, temendo si riveli pesante e incomprensibile, (occuparsi di fiscalità dà una bella mano a ficcarsi nelle rogne) e trovare invece una relatrice competente e assai empatica che dissolve la nebbia.

Sorseggiare un ottimo Porto sul divano mentre finisco di leggere Genovesi.

Concludere un pranzo luculliano fuori dove, forse per errore, invece di tre mousse a testa ce ne portano nove in tutto (e io comunque più di tre intere e due cucchiaini della preferita non ce la faccio a mangiare che sto scoppiando, per cui si è sacrificato l’Orso).

Fare compagnia a mia mamma, che in inverno esce poco volentieri.

Guardare il catalogo Bompiani scontato del 25% e programmare l’acquisto di un bel Steinbeck, credo l’unico che mi manchi, con il buono acquisto regalo di S. Valentino di Emanuele.

Scendere a patti con il mio stomaco.

Non avere arretrato lavo-stiro.

Scoprire che il deprimente fiorista del quartiere, con fiori e piante costosissime e un aspetto alquanto cimiteriale (l’insegna nera e l’adiacenza con le Onoranze Funebri, di cui non ho mai capito se fosse parente, non aiutava) ha chiuso e al suo posto ha aperto una salumeria, che essendo accanto al panettiere garantisce pane e salame con zero sbattimenti di giri al supermercato e può salvare la cena.

Lavare i capelli in casa dopo il taglio e non avere l’aspetto di un muflone.

Portare a termine il grande progetto segreto, e fottersene alla grande di come andrà, perché in fondo, comunque vada, è già andata.

Cioccolato, panna cotta ai frutti di bosco e crema catalana.

Annunci

18 thoughts on “Piccole felicità vere in un periodo di stanchezza

  1. Quanto vorrei avere una lista così bella… Sono appena tornata a casa dalla riunione condominiale, che tradotto significa spese e lavori… Ho il cervello liquido che sta evapora do… Ma ho ricevuto un regalo graditissimo oggi, un bel libro e questo si sa aggiusta tutto.
    Tornando a te, non si fa venire l’acquolina in bocca con certe foto, che poi resta la voglia tutta la notte! Brava fai incetta di energie che spumeggiante sei inarrestabile.

    • Un libro, sempre una gran bella cosa che allarga il cuore e apre gli orizzonti. Inarrestabile non so, sono anche tanto stanca e i problemi non mancano, per questo ho voluto puntare la bussola su queste piccole felicità.

      • Hai fatto benissimo, se la bussola le riconosce e ti ci riconduce direi che è fatta, altrimenti si continua a lottare, un giorno alla volta, memore che dopo l’acquazzone viene sempre l’arcobaleno.

  2. Da noi spiccano le mimose e i fiori di pesco anche se il freddo ancora non ci ha lasciato. Sento che la positività ti sta accompagnando. Mi contagi. Riesci a vedere sempre il bello delle cose. I libri poi mettono sempre di buon umore^_^

  3. Il Porto sul divano con lettura mi ispira parecchio, ma anche le mousse non scherzano. Da noi fa ancora freddo (per forza, con le montagna innevate dietro casa), ma ci sono già anche primule e qualche violetta. 🙂

  4. Non mi pare che le cose vadano così , anzi… 🙂 Io lo dico sempre che il cibo ha un effetto consolatorio…
    Una curiosità: lo sapevi che il Non ti scordare di me, Myosotis Arvensis, contiene molti sali minerali, in particolare sali di potassio, acidi organici di varia natura e zuccheri.
    E’ molto conosciuta ed apprezzata, oltre che per la delicatezza dei suoi fiori, anche per le sue proprietà officinali un tempo molto sfruttate dalla medicina naturale e dalla fitoterapia per la cura delle affezioni degli occhi, come congiuntiviti, cataratta. In passato si utilizzava per curare gli stati di astenia, debolezza, come tonico per l’intero organismo oggi, è particolarmente impiegato dalla medicina omeopatica per la cura delle affezioni delle vie respiratorie, disturbi polmonari e difficoltà respiratorie.
    Non ti suona un pochettino?

  5. @ Faccio una rispostona unica che ieri sera ero KO e non ho manco aperto il pc, cosa assai rara per me.
    @ Newwhite bear, Rosalia, Grazia sì fa parecchio freddo ancora e siamo imbacuccati per non dire che le previsioni per settimana prossima quando arriverà marzo sono di temperature raso 0. Ma la luce e questi primi fiorellini promettono di essere alla fine
    @ Elena quante cose interessanti mi dici che non sapevo su questi fiori da me molto amati
    @ Tutti sì cibo e ehm alcol senza esagerare possono essere assai confortanti
    Grazie per i commenti e di passare sempre di qui, sono solo stanca e in attesa di idraulico e muratore, più qualche rogna lavorativa, ma non va male. Un bacione

  6. Nel giardino condominiale del mio studio ho visto spuntare proprio in questi giorni dei fiorellini gialli. 🙂 Un po’ di aria primaverile si sta facendo strada nel freddo invernale. E stasera per me c’è un avvenimento davvero grande, un magnifico regalo milanese!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.