Weekend agostano a Milano

Sabato 10 è saltata e non a causa nostra, una gita organizzata da un po’, il cambio di programma, vi confesso, inizialmente mi ha irritata, poi ben decisa a non farmi intaccare il buon umore ho puntato la bussola al bello e ne è uscito un weekend tutto da inventare che ho suddiviso tra relax, scrittura e navigli.

Sabato mi sono ritrovata con parecchie ore non previste per scrivere e il YA ha raggiunto le 180 mila battute. So bene che dovrei sganciarmi dalla sindrome ossessiva compulsiva di controllare il contatore, ma lo dice la parola stessa “compulsiva” eh no, non ce la faccio. Sono molto soddisfatta, nonostante mi ponga parecchie domande sui tredicenni e non possa basarmi su la me stessa che fu (è passata un’era geologica e non sono certa di essere stata rappresentativa neppure per l’epoca), vado quindi a spanne, talvolta chiedo, e che la musa della creatività me la mandi buona.

Domenica si è optato per un pranzo e un giro sui nostri amati navigli,

P_20190811_150930che si presentavano piuttosto deserti per il caldo. Milano infatti non era tra le città da bollino rosso ma sotto il sole si schiattava.

Quindi si è dunque di pranzare dentro, dopo aver “assaggiato” l’aria condizionata: temperatura perfetta anche sbracciata. Ristorante napoletano, decisamente in linea con la mia sottotrama del YA: una famigliola sorrentina trapiantata a Milano, col pallino della cucina. Non vi dico gli spunti e l’energia che ne ho ricavato. Ultimamente si sta verificando una sorta di mentalismo tra ciò che scrivo e ciò che accade, il che è davvero inebriante e dà un senso alle ore trascorse al pc.

P_20190811_133323

Ho deciso infine di tentare di vincere la partecipazione al laboratorio di scrittura on line di Barbara Fiorio.

In questo articolo trovate il regolamento, e  in questa pagina di Facebook  il mio incipit che potrete votare e diffondere in cerca di “mi piace”. Non essendo su FB questo genere di votazione mi penalizza, lo so, per cui conto su di voi!  ♥♥ Grazie !

Sul premio della giuria di qualità la vedo dura, l’argomento “orfanella” è stato passato al tritacarne mille volte e il botto arriva qualche pagina in là. Non sono stata abbastanza scaltra (ci ho pensato dopo) da rimescolare le carte e usare il pezzo con l’elemento sorpresa per la gara: Anita trova una lettera di sua madre in mezzo alle ricette, da lì, a cadenza regolare la defunta comunicherà in questo modo dal cielo con la figlia.

Dubito che la gente si prenda la briga di leggere tutti gli incipit, e il pollice in su di una sconosciuta mi ha fatto piacere. Naturalmente invito i miei amici autori a iscrivere la propria storia e tentare insieme a me l’avventura.

Direi che due post in due giorni non sono male per questo periodo di calma blogghistica.

Vi abbraccio e auguro un ottimo proseguimento di estate, che siate in vacanza oppure no.

22 pensieri su “Weekend agostano a Milano

  1. Votata e condivisa su webnauta 😉
    Non conoscevo il gruppo – laboratorio di Scrittori Pigri, interessante. Me lo tengo lì per il futuro, che non si sa mai.

    • Grazie mille Barbara. Il laboratorio secondo me è molto adatto a te, pensaci per questa sfida, io, personalmente, non lo farei a pagamento, non dico che non meriti ma con diversi libri pubblicati e quasi altrettanto in attesa be’ pigra non lo sono di certo.

      • E’ tardi perché io possa provare con questa sfida, avendo già altro in corso da seguire, e con le basse presenze su Facebook nel mese di agosto. Ma a parte questo, da settembre avrò probabilmente altri impegni di lavoro, per cui il mio tempo sarà risicato ancora di più. Forse il prossimo anno.Tieni conto che ho già provato un corso di scrittura online e, al di là dei contenuti del corso, era difficilissimo conciliarlo con i miei orari. 😦

  2. Che disdetta non posso votarti, sono fuori da fb da molti anni, mi sarebbe piaciuto contribuire. Se ti servono spunti io ero una tredicenne tremenda, nel vero senso della parola e anche avanti, troppo e ho un figlio dodicenne.

  3. Ciao Sandra, ho letto il tuo incipit, davvero invogliante. Non sono su Facebook ma farò mettere il mi piace da mio figlio. Ho letto anche un bel po’ di altri incipit e si sente la professionalità della tua scrittura e il controllo della pagina. Super tifo per te!

    • Grazie! Ieri sera eravamo a quota 15, c’è chi è già a 58, ma al di là di questo diverse persone mi hanno fatto i complimenti in privato per cui mi ritengo soddisfatta della prova e dell’affetto che vedo circolare per la mia scrittura.

      • Gli YA non sono il mio “terreno”, ne ho letti alcuni in inglese più che altro per esercitarmi, visto che spesso sono più semplici da leggere, ma rimango sempre spiazzata dalla tua facilità di scrittura, sembra che ti venga proprio naturale, ed è un bel dono!

  4. @ Cristina Bia, questa capacità sorprende per prima me. Le idee di partenza non è che mi vengano proprio ogni giorno, ma quando capisco che il cuore della storia c’è, poi vado come un Freccia rossa. Grazie.

  5. @ Grazie Giulia, grazie Elena, anche voi siete ancora in tempo per partecipare.
    E ufffff. 19 agosto, che giorno in bilico tra estate e rientro. Per me che odio le cose a metà sa di supplizio. Bacis

  6. Il tuo mentalismo mi piace molto, sai che ho una neo tredicenne per casa quindi chiedi quando vuoi! Per ora sei nei binari, quindi go!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.