Idee fresche

20150725_162420

20150725_201540

20150726_105211 (1)

La perturbazione tanto agognata ha portato meno benefici di quanto previsto, ma almeno da ieri sera a Milano il caldo è accettabile. Emanuele sta tornando dal Parco del Gran Paradiso, versante piemontese, dove ha fatto una gita fotografica in notturna, è partito infatti con mio cognato ieri dopo pranzo e si è dedicato alla fotografia a 2600 m. dal tramonto credo fino a notte fonda, catturando persino Andromeda. La temperatura era di 5°! E’ stato buffo vederlo preparare piumino e persino i guanti. Le foto che vedete sono un’anteprima, di sicuro non le migliori, in quanto fatte col telefonino in modo che io le avessi in diretta, grazie alla funzione DropBox che le trasmette subito qui nel pc. C’erano due guide e avevano attrezzature importanti e adatte a questo tipo di escursione al buio. Era entusiasta.

Io mi sono buttata invece sui tipici divertimenti femminili cittadini quali: ViParrucchiere e giro di saldi. Rintanandomi qua e là in zone fresche come librerie, gelaterie e creando corrente in casa. Decisamente non ho più il fastidio di legarmi i capelli!

Per quanto riguarda le letture fresche chieste da Barbara, propongo il vecchio, ma sempre godibile “Il senso di Smilla per la neve” di Peter Hoeg, ediz. Mondadori, traduz. Bruno Berni che mi piacque molto; romanzo insolito e potente, uscì quando ancora la Scandinavia era lontana nell’immaginario del lettore italiano medio. Fu un grande successo, forse non ripetuto con le pubblicazioni successive di Hoeg, un giallo ben costruito, con una trama articolata: il romanzo si apre con il funerale di Esajas, un bambino morto scivolando da un tetto innevato; Smilla che viene dalla Groenlandia, e a Copenaghen ha un solo legame affettivo, anzi, aveva, perché era proprio lui, Esajas, figlio di una vicina di casa, decide di indagare sulla tragedia. Di recente l’ho visto su una bancarella dell’usato e credo che il reperimento sia facile. Di sicuro la copertina simil ghiaccio rimanda a una convincente idea di frescura.

Segnalo anche la casa editrice Iperborea nata nel 1987 col preciso obiettivo di far conoscere la letteratura nord europea, e la collana GialloSvezia invece di Marsilio che ha portato in Italia i gialli svedesi partendo da quel tormentone che fu “Uomini che odiano le donne” (che comunque ho apprezzato, ma senza la smania di leggere il secondo e terzo volume della trilogia, infatti non li ho letti!)

Per il resto, faccio come tutti: bevo un sacco, sembro un cammello, il contenitore della plastica è sempre pieno di bottiglie 😀

PS. nella barra in alto c’è una nuova sezione: le fotografie di mio marito su Google +!

Pubblicità

12 pensieri su “Idee fresche

  1. “Il senso di Smilla per la neve” mi piacque molto, a suo tempo. L’anno scorso ho letto anche “Uomini che odiano le donne”, che mi è piaciuto abbastanza da farmi acquistare gli altri due, anche se in genere non leggo gialli. (Non è poi questo gran gesto, visto che li ho trovati in inglese su Amazon.com.uk a un centesimo!).

    • Un centesimo? Dai, non pensavo si potesse arrivare a tanto (nel senso di tanto poco) complimenti per la lettura in inglese che io invece ho ahimè perso per strada.

  2. buongiorno dalle frescure bolognesi (non è uno scherzo, stamattina finalmente si sta bene!)
    Smilla l’ho letto e ho visto pure il film (una coppia di nostri amici ha chiamato Smilla la figlia), la trilogia l’ho divorata e ho visto pure i tre film, un altro bel gialletto “freschetto” è sicuramente “La neve cade sui cedri” di David Guterson…insomma tutta questa neve si vede che ha funzionato, speriamo che duri!
    bellissima la seconda foto di Emanuele, è magica!
    ti lascio il link di un bel posticino dove siamo stati ieri e dove il figliolo farà qualche giorno di volontariato in agosto: http://www.centrotutelafauna.org (meraviglia!)
    buona settimana!

  3. Grazie Cara Claudia per tutti questi spunti. Anche qui oggi decisamente meglio. In google + trovi anche le foto di Andromeda! “La neve cade sui cedri” l’ho letto e ti ringrazio per avermelo ricordato, è uno dei romanzi preferiti di mia mamma, nota lettrice iper criticona.
    Baci

    • caspiterina! oggi in pausa pranzo mi gusto le foto, complimentissimi!
      sai che mi è venuto in mente un altro film freddo? l’hai visto Fargo?
      sempre gialli, polizieschi e sul genere, insomma, a me MI piaceeeee (lo so, non si dice, ma lasciamo che sia colpa del caldo 😉 )

  4. ciao sandra! appena rientrata!
    posso suggerire un libro fresco anch’io? la principessa di ghiaccio, di camilla läckberg. io ho letto prima l’adattamento a graphic novel, di léonie bischoff e olivier bocquet, e poi il libro, e mi sono piaciuti molto entrambi. forse addirittura li suggerei in questo ordine, graphic novel prima e libro dopo.
    il secondo libro della läckberg, il predicatore, non mi è piaciuto invece, troppo cupo (e non è fresco!). da lì non ne ho letti altri.
    c’è una cosa che ti volevo scrivere da un po’, ma aspettavo di avere tempo di leggermi tutto il tuo blog per essere sicura di non scrivere castronerie, ma mi sa che ci vorrà un po’ quindi la dico sperando di non sbagliarmi. ho colto giusto che stai adattando il romanzo di natallia a graphic novel? se sì, la trovo un’idea semplicemente meravigliosa. ho scoperto queste genere qua in belgio, dove esistono tante librerie dedicate esclusivamente a fumetti e graphic novels (esistono anche in italia, lo so, ma qua ce ne sono di più!), e me ne sono innamorata. le mie preferite sono forse quelle di guy delisle, non per i disegni ma per il contenuto.
    un abbraccio da lontano, non da vicino per non aggiungere caldo a caldo!
    francesca

    • Cara Francesca bentornata e rimanendo in tema fresco, informo gli altri che sei appena stata in Islanda! Come mi sei sul pezzo, Francesca!
      I suggerimenti libreschi sono i benvenuti e arricchiscono sul serio il blog, per cui grazie.
      No, non sto trasformando il romanzo di Natallia in graphic novel, sarebbe un lavoro epocale, il romanzo di Natallia è molto articolato, bensì l’albo sull’adozione che non riuscivo a piazzare, quindi la storia di un’adozione internazionale andata a buon fine, da quando la coppia si conosce a quando arriverà la bambina. E’ un progetto interessante e sto esplorando nuove lande di scrittura, le illustrazioni sono affidate a Cinzia che è bravissima e molto in sintonia con i miei testi. Il Belgio è il paese di fumetti, qui a parte Zerocalcare sono poco noti, ma ci sono opere di gran pregio. Bacione 😀

  5. “Il senso di Smilla per la neve” non lo avevo letto, avevo visto il film. Molto fresco! Invece la trilogia di Larsson purtroppo l’ho letta tutta. Dico purtroppo perché avevo regalato al marito giallista il primo, ma la mole lo aveva atterrito. Allora lo avevo letto io e mi era piaciuto assai. Di conseguenza avevo letto il secondo, ma secondo me l’autore era andato in caduta verticale, e non parliamo del terzo (forse nemmeno rivisto da Larsson, morto nel frattempo). Ho contato i personaggi con nome e cognome ed erano qualcosa come duecento.

    P.S. Sì, da ieri a Milano si sta decisamente meglio. Auff! Anch’io sto riorganizzando un po’ il blog, e ho inserito lo sfondo di una foresta: molto medievale e rinfrescante! 🙂

    • Sta mattina WP ha dato i numeri e il mio header cambiava a suo piacimento ogni tot. c’è stato un tram e persino una pigna e ho visto altri blog in queste condizioni. Ho letto da Giordana di Plesio che le Trilogie hanno questo problema di calo di vendite, e ahimè di solito di apprezzamento e vedo che la mia scelta di non proseguire con la lettura di Larsson è stata vincente. Un saluto al marito. Temo che il caldo stia tornando a grandi falcate e non basteranno le nostre idee rinfrescanti, anche se ci stiamo impegnando un sacco 😀

  6. Quanti suggerimenti!!! Ma non vi starei dietro con la lettura neppure se avessi una vita in più solo per leggere 🙂 tuttavia… vi lascio anche io qualche suggerimento: Lars Gustafsson (Iperborea), “Il pomeriggio di un piastrellista” e “Morte di un apicoltore”. Quest’ultimo lo lessi in viaggio in Germania, intorno c’era solo neve.
    PS le foto di Emanuele sono bellissime!

    • Questo è un blog di consigli libreschi per ogni stagione e possono essere ripescati al bisogno! Emanuele è molto contento del suo bottino di foto e ti ringrazia. Bacione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.