Bookcity # 2 Le persone al Castello

La luce del Castello, le persone che arrivano a gruppetti, si salutano, si presentano, si abbracciano, si ritrovano. Noi, che siamo una squadra, io che a volte faccio fatica coi gruppi: non sono su FB e sono notoriamente polemica, ma tutto passa, questo sabato è festa bella, quella dei cuori che fanno le capriole e mentre Cristina aspetta le amiche, Nadia distribuisce rimedi per qualsiasi cosa: dall’ansia, alla fame, al mal di gola dalla sua capiente borsa, mentre Serena è come la renna in prima fila a trainare tutti, e si vede quanto è emozionata, mentre io sta volta sono andata dal parrucchiere, mentre Elisa Elena e Edoardo ripassano e poi c’incanteranno tutti con la lettura dei racconti, mentre la gente comincia a riempire la sala, Dio mio, allora è vero siamo a Bookcity, mentre tutto questo è già ricordo e mi s’ingarbugliano le parole nel raccontarvelo, alle 18 microfoni accesi e si comincia.

Introduce Serena, poi si alternano gli attori eccezionali e poi tocca a me, e di nuovo i racconti, anche l’inedito di Velma che lascia tutti senza fiato, ancora Serena e le domande del pubblico e sono le 19, il gruppo successivo preme per entrare e ancora noi non ci crediamo che sia successo.

E siamo nel cortile delle Armi, un po’ infreddoliti, ancora a stupirci, a distribuirci regalini, a organizzare il seguito della serata, per fare compagnia a chi viene da lontano: Roma, Rovigo, Imperia, tanta strada pari alla voglia di esserci. Qualcuno ci saluta, e noi proseguiamo per un locale che conosco benissimo, il cameriere infatti mi riconosce. Siamo in 10 a tavola un po’ ubriachi, molto sorridenti e chiacchieroni, felici, caspita: è tutto vero.

Sono la prima ad andarmene, perché l’unica diretta verso la periferia e sono un po’ timorosa se si fa tardi, salto il dolce, ma non la dolcezza: quella dei gesti buoni e solidali che se declinati in allegria diventano proprio un trionfo. La foto, che ho rubato a Silvia 😀 è un po’ piccola, ma ultimamente non riesco più a modificare le dimensioni delle immagini nei post.

Annunci

12 thoughts on “Bookcity # 2 Le persone al Castello

  1. Che sorpresa questo post!
    Tutto vero quello che hai scritto, Deborah la donna in rosso per l’occasione, mi ha soprannominato Mary Poppins visto che dalla borsa facevo uscire tutto. Le voci dei lettori le ho ancora impresse nella pelle e spero presto di poterle risentire. L’emozione delle tue parole mentre ci racconti cosa vuoi dire sopravvivere a un terremoto, cosa porta con sé una simile tragedia, quanto il tempo non cancelli per nulla tutto questo… L’emozione di essere così tanti insieme in un posto bellissimo, mai immaginato, talmente speciale da non poter altro che diventare la bella stella sotto cui lanciare il motto L’amore non crolla. C’è tanto lavoro in questo progetto,tanto cuore e cominciano ad arrivare le soddisfazioni!
    Resterà indimenticabile.

  2. Io sono contenta di vedere che quella nuvoletta fantozziana che sostava sopra la testa di Sandra sembra avere preso il largo. Cos’è cambiato? Che l’abbiamo spedita in giro a presentazioni a conoscere un po’ di lettori. Uhm, dobbiamo tenerti sempre con la valigia pronta? 😀

  3. @ e allora Giulia (ma un saltino di Bologna lo potevi fare), Nadia super accessoriata, Elena (c’è anche il resoconto di Silvia Algerino nel suo blog e la pagina FB di Buck e il terremoto), e Barbara confermo sì che la nuvoletta nera è passata e questa squadra impedirà che torni!
    Grazie a tutti voi!

  4. Che bello… avete in serbo tante sorprese, peccato non potervi raggiungere. Gli altri anni venivo a Milano ospite di mio figlio che studiava lì. Ma da quest’anno lui è in Francia e io mi sono persa gli appuntamenti di Bookcity. Uffa!

  5. Che bel post, grazie! 🙂 C’era un’atmosfera di grande eccitazione, è vero, quasi prenatalizia. Poi è stato bello conoscere alcune persone dal vivo, anche se per breve tempo, il che dà sempre valore aggiunto alle relazioni.

  6. @ Rosalia, magari ci saranno occasioni più vicine a te. Intanto grazie e anche se hai perso Milano hai guadagnato la Francia (che io amo moltissimo!)
    @ Cristina, è vero c’era un’atmosfera pre natalizia molto accogliente, grazie. A presto!

  7. Ma quanto è bello ascoltare i vostri resoconti, sembra proprio di vedervi, ognuno con le sue particolarità 😀 E come non provare un pizzico di benevola invidia per questo mega raduno? Tu poi hai un’espressione super soddisfatta nella foto :*

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.